Poverangelo

Album

È contenuto nei seguenti album:
1988 Canzoni per parlare

Testo Della Canzone

Poverangelo di Fiorella Mannoia

(di Piero FabriziMarco Luberti)

Le note si sistemano
sul pentagramma del telegrafo
e specialmente se non piove
chiudono le ali proprio dove
si leggeranno strofe nuove
le case già sbadigliano
e le lenzuola si salutano
i vecchi escono stirati
come indirizzi accartocciati
perduti in tasca e ritrovati
e tu
che dietro ai vetri guardi fuori
poverangelo
fai parte degli spettatori
povero diavolo
daresti il meglio fra gli attori
se non restassi lontano da noi
le strade già scolorano
e i marciapiedi si riposano
e dai camini abbandonati
in fila come dei soldati
volano sogni affumicati
e tu
ravviva tutti i tuoi colori
poverangelo
lascia rullare i batticuori
povero diavolo
lasciati andare a nuovi amori
per non restare lontano da noi
tu dietro ai vetri guardi fuori
poverangelo
ravviva tutti i tuoi colori
poverangelo
lascia rullare i batticuori
povero diavolo
lasciati andare a nuovi amori
per non restare lontano da noi
per non restare lontano da noi

Il testo contenuto in questa pagina è di proprietà dell’autore. WikiTesti è un’enciclopedia musicale con lo scopo di far conoscere a quante più persone possibile il panorama musicale.

1 COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here