Pozzanghere – Gianni Nebbiosi

Album

È contenuto nei seguenti album:

Testo Della Canzone

Pozzanghere – Gianni Nebbiosi

Pozzanghere pe’ prati de borgata
era piovuto e me ce so’ specchiata
era piovuto sulla terra secca
come la vita mia da regazzetta
‘na vita de baracca ar cardo e ar gelo
e pe’ compagno solamente er cielo.
Me ce specchiai pe’ ‘na giornata ‘ntera
per aspettà le stesse della sera.

Daje Nenna mettete a cantà
che ‘sta pioggia odora de lillà.

Pozzanghere che poi pe’ tanto tempo
ciò visto solo case de cemento
te toccava lavorà giorno pe’ giorno
senza più er tempo de guardasse ‘ntorno
te tocca lavorà e ‘n te frega niente
de guardà nella faccia della gente
e er sole ‘n celo te fa sentì stanca
quanno che piove vedi solo fanga.

Daje Nenna mettete a cantà
che ‘sta pioggia odora de lillà.

Pozzanghere che torneno a stagione
Me so’ trovata vecchia e nun so come
e nun so come er passo s’è fermato.
Ma er core me sbattè forte da capo
stavo a ‘n cantone e me vortai ‘n momento
e vidi tante strade e tanto vento
e tante pozze d’acqua sur sentiero
‘ndo che la fanga è mescolata ar cielo.

Daje Nenna mettete a cantà
che ‘sta pioggia odora de lillà.



LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here