Prendeva il treno

Album

È contenuto nei seguenti album:

1964 La Milano di Enzo Jannacci
1972 Enzo Jannacci

Testo Della Canzone

Prendeva il treno di Enzo Jannacci

S’ênn conosciuti a la catena di montaggio:
lei, tutta bianca, che spiccava in quel candor.
Gigi Lamera, ed abitava dietro Baggio,
era il suo nome; ma non era un tipo snob!
“Scusi, signore: per andare alla toeletta?”
“Scusi, signora, ma rispondere non so.”
“Lei, al lavoro come viene?” “In bicicletta…”
“Ma non è fine! La credevo un gran signore…”
Prendeva il treno per non essere da meno;
prendeva il treno per sembrare un gran signor!
E la rivide, dempre in sede di montaggio,
lei tutta fresca, con un fresco cappellin
“Gigi Lamera, si ricorda? Vivo a Baggio…”
“Si, vagamente.. Lei è ciclista o giù di lì”
“Macché ciclista! Prendo il treno dietro a Baggio!”
– ed ostentava un cravatta dell’Upìm-
“Voglia gradire questi fiori come omaggio…”
“Che fiori sono?!?” “Signorina, i hoo fà mi!”
Prendeva il treno per non essere da meno;
ma già deluso da quel grande, assurdo amor!
L’han licenziato, in un bel giorno a fine maggio
che l’han trovato a tagliar fiori int’i lamée;
adesso è ottobre, fa già freddo, ma il coraggio
di dirlo in casa, col perchè, lü ghe l’ha no!
E tun-tun-tun che l’vol savé (………….)
“Gigi, l’è tardi!…” come pure, ogni mattina
lesto si avvia, con la cartella sotto il braccio,
male annodata la cravatta dell’Upim…
e prende il treno per non essere da meno,
e piange e ride per quel grande, assurdo amor!
e prende il treno per non essere da meno,
e piange e ride per quel grande, assurdo amor!

Il testo contenuto in questa pagina è di proprietà dell’autore. WikiTesti è un’enciclopedia musicale con lo scopo di far conoscere a quante più persone possibile il panorama musicale.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here