Prisepi Amiricanu

Album

È contenuto nei seguenti album:

Testo Della Canzone

Prisepi Amiricanu di Mauro Geraci

Si fici ‘a Casa Janca
ottu anni e dui mandati
ora supra la panca
saluta a manu jsati.
L’America saluta
‘nta lu Columbus Day
ma fora nuddu ascuta
e nuddu dici OK.

Bush sempri lu surrisu
di ferru havi stampatu,
la vuci di lu visu
ci nesci senza ciatu:
“La crisi non è nira
– dici cu convinzioni –
lu sceccu ancora tira
e tira Berlusconi.

Avia nu sciccareddu
ca mi liccava i mani,
‘ttaccatu nta l’aneddu,
fidili com’un cani.
Ora ca mi nni vaju
mischinu resta sulu
cu sapi s’iddu a Obama
ci lu lecca puru ‘u cu… uh, ah, uh, ah…
Sceccu miu, di lu me cori,
pi tia sempri su’ cca!”

Mancu parrau d’u diavulu
e spuntanu li corna
e friscu cchiù d’un cavulu
lu sciccareddu torna.
Ci dissi: “Caro George,
amicu miu fraternu,
lu munnu non s’accorge
ca sì lu Patri Eternu.

Tu sì l’Eternu Patri,
iu sugnu tò Figghiu
e a lu G8 all’avutri
dittamu lu cunsigghiu.
Tu resti nta la Storia
com’un gran pezzu ‘i testa,
è ferma la memoria,
la Storia ferma resta!

Giorgiu quantu sì beddu,
gioii d’i tutti i gioii,
iu sugnu ‘u sciccareddu
mentri tu si’ lu boi.
Aerei e carri armati
‘nsinu all’Afghanistan,
tirammu e li surdati
ora su’ a tutti ‘i bann.”
Natali era vicinu,
chi focu e gran macellu,
non c’era cchiù ‘u Bambinu
tra u voj e lu sciccareddu.

Il testo contenuto in questa pagina è di proprietà dell’autore. WikiTesti è un’enciclopedia musicale con lo scopo di far conoscere a quante più persone possibile il panorama musicale.

Social

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here