Secondo me l’amore… (so’ distrutto)

Introduzione

Indice

Album

È contenuto nei seguenti album:

1975 Secondo me l’amore
1975 24-7-75 Dalla Bussola
1999 Le più belle canzoni di Franco Califano
2005 Non escludo il ritorno (Cd 2)

Testo Della Canzone

Secondo me l'amore… (so' distrutto) di Franco Califano

(di: Franco CalifanoClaudio CavallaroDanilo Vaona)

N’ho conosciute tante de mignotte,
ma te lo giuro tu, le freghi tutte.

So’ anni che te rotoli ‘n quer letto
e nun t’addormi mai senza avè fatto.

Lavoro e butto er sangue tutto er giorno
e tu nun vedi l’ora che ritorno,
mica pe’ dimme “caro, com’è annata?”
ma pe’ collezionà, ‘n’artra scopata.

Er sesso è diventato ‘n ossessione!
Pe’ corpa tua, c’ho trenta de pressione.

Famme cornuto, t’autorizzo io…
ma a te, te piace fà solo cor mio.

Eppure prima d’esse’ tu’ marito,
nun me facevi manco move ‘n dito,
m’accontentavi co’ due, tre bacetti…
parevo l’omo de Maria Goretti.

Dopo che hai detto “sì”, te sei concessa
senza aspettà la fine della messa,
te venne ‘na libbidine ‘mprovvisa
e te facesti fà, fori la chiesa.

La prima vorta, ‘n piedi, sotto a’r vento…
te feci male e tu? Manco ‘n lamento…
dicesti “m’han parlato de dolore”,
“ma che sarà quanno verà er piacere?”.

D’allora armeno tre, sera e matina,
nun sei seconda manco a Messalina,
come me sdrajo, zac, me zompi addosso
e a vorte pe’ sarvamme, dormo ar cesso.

Ma adesso basta, basta, so’ distrutto,
chiudi la gabbia tua, metteje er lutto,
l’uccello è morto e m’ha raccomannato,
de risparmià le palle che ha lasciato!

Il testo contenuto in questa pagina è di proprietà dell’autore. WikiTesti è un’enciclopedia musicale con lo scopo di far conoscere a quante più persone possibile il panorama musicale.



LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here