Sembra semplice – Fedez

Introduzione

Indice

image_pdfCrea Pdfimage_printStampa

Sembra semplice – Fedez canzone pubblicata per la prima volta nell’anno 2013

Sig. Brainwash – L’arte di accontentare Tutte le canzoni dell’album

Sig. Brainwash – L’arte di accontentare

Guarda la pagina artista di Fedez o naviga nella categoria Fedez

Testo della canzone: Sembra semplice – Fedez

In fondo al testo trovate il video della canzone

Sembra semplice – Fedez Testo:

(feat. J-Ax)

(testo: Federico Lucia, Alessandro Aleotti – musica: Fausto Cogliati)

Vita d’artisti

bere birra e sentirsti protagonisti

e passare meta’ del tempo a far finta di divertirsi

nascondo gl’occhi tristi come se ci riuscissi

a parlare con se stessi non c’è poi molto da dirsi

i cattivi mi stanno sul cazzo ma i buoni mi fanno schifo

e sono ancora indeciso per chi non fare il tifo

meglio la bocca cucita o le mani legate

o un fiume di parole che sfocia in un mare di stronzate

e quanti baci falsi e quante mani che si stringono

ma in questo ambiente viscido gli amici non esistono

e per quanto può essere bello stare sotto ai riflettori

quelle luci non ti seguono una volta che sei fuori

musica per bambini col vizio di essere annoiati

è tanto facile stupirli quanto essere ingannati

e se la musica è riassunta su una maglia con la scritta

ancora non capite vi stanno vendendo l’aria fritta

vado alla cassa e chiedo quant’è il prezzo del successo

e a saperlo prima forse avrei gia smesso

non c’è niente da capire non c’è niente da spartire

il successo a volte toglie il privilegio di soffrire

finisce sempre bene altrimenti non è finita

me l’hanno sempre detto ma io non ci credo mica

e per quanto il tempo può rimarginare una ferita

io nn sono ancora morto e gia rivoglio indietro la mia vita

Non è mai stato semplice per me

ma a volte tutto torna come se

ci fosse una ragione giusta a tutto questo odio che ho

quello che sembra semplice per te

diventa complicato come se

non ci fosse una spiegazione giusta

a tutto l’odio che ho

(che ho!)

un’occasione da sprecare è quello che voglio per me

Siamo solo noi, che ci cambiamo i nomi come i supereroi

e per nascondersi in mezzo agli avvoltoi con le maschere da buoni

dei paesoni travestiti da metropoli

abbiamo segreti così privati

poi confessati a baristi e stripper

vita d’artisti tra crisi e dischi

tra rischi e dissing

tra whisky e twitter

e abbiamo critiche sul sito:

vai in tele fai schifo

vai bene venduto

vai male fallito

il successo non è quando ti dicono mito

è quando ti iniziano a odiare che sai di avere colpito

e abbiamo la paranoia di floppare

qualche sostanza che ci fa calmare

abbiamo il cellulare spento un vuoto dentro

che solo un applauso ci potrà colmare

da un inchiostro nero come la paura

tracciamo queste lettere e il nostro destino

che tanto scrivere per vendere peggio della censura

è come mettere un presevativo sulla biro

e quindi Senza Filtro come da ragazzino

senza cognizione di causa e motivo

ribelle senza pausa ogni verso un affronto

solo io e la mia penna contro il resto del mondo

Non è mai stato semplice per me

ma a volte tutto torna come se

ci fosse una ragione giusta a tutto questo odio che ho

quello che sembra semplice per te

diventa complicato come se

non ci fosse una spiegazione giusta

a tutto l’odio che ho

(che ho!)

un’occasione da sprecare è quello che voglio per me

(la forza che mi rimane) è tutto quello che ho

(la voce che mi rimane) è tutto quello che ho

(finche’ non passa la fame) è tutto quello che ho

se ci pensi i miei interessi son sempre gli stessi

e li metto prima di te

Non è mai stato semplice per me

ma a volte tutto torna come se

ci fosse una ragione giusta a tutto questo odio che ho

quello che sembra semplice per te

diventa complicato come se

non ci fosse una spiegazione giusta

a tutto l’odio che ho

(che ho!)

un’occasione da sprecare è quello che voglio per me



LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here