Serenata a Maria

Architect looking at blueprints in a building site

Album

È contenuto nei seguenti album:

Testo Della Canzone

Serenata a Maria di Canzoni Romane

Te vojo bene canto e me tormento
E nella voce mia ce trema er painto
C’ho pe’ compagni la tristezza e er vento
E in fonno ar core ‘n’ombra de rimpianto
Vorei sapette morta e poi me pento
Vorei spezzà ‘sto core ma t’amo tanto

Maria Marì ‘sto nome è ‘na carezza profumata
Nella nottata un rusignolo canta e s’appassiona
L’eco risona, risona insieme ar vento e s’allontana
‘Sto core chiama chi lo fa soffrì
Maria Marì, Maria Marì

Nun vedo l’ora che ariviè la sera
Pe’ ribacià ‘na bocca tanto cara
La stessa che giurava in quella sera
Pe’ te sarò la luce che rischiara
Ma quella bocca nun fu mai sincera
M’ha messo in fonno ar core ‘na pena amara

Maria Marì ‘sto nome è ‘na carezza profumata
Nella nottata un rusignolo canta e s’appassiona
Lassù le stelle me guardeno e sorideno tranquille
Nun sanno quanto tu me fai soffrì
Maria Marì, Maria Marì

Il testo contenuto in questa pagina è di proprietà dell’autore. WikiTesti è un’enciclopedia musicale con lo scopo di far conoscere a quante più persone possibile il panorama musicale.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here