Serenata de Pullecenella

Introduzione

Indice

Album

È contenuto nei seguenti album:

Testo Della Canzone

Serenata de Pullecenella di Canzoni Napoletane

rielab. Zezza da Cimarosa – 1800
Sergio Bruni

‘Ndretella, gioja de st’arma mia, affaccete!
Ccà ‘ncè sta Pullecenella tuojo
ca te caccia la lenguella!

Uè, uè, nennè t’affaccia!
Ca sta Pullecenella.
Te caccia la lenguella
E dice: i’ sto ccà!

Ma pecchè nun t’affacce?
Io venghe tutte sere ccà sotto
e tu nun t’affacce maje!

Gioia de ‘st’alma mia jesce ccà ffora
Ca mammeta nun c’à, jesce a mmalora

Carugnona, carugnona! Affaccete!

Uè, uè co sta vucchella,
co ‘st’uocchie, co ‘sti vruoccole,
lo core comm
a spruoccole,
me staje a strazià!

Stelle stellatela, viente ventatela,
acque addacquatela, fuoche ‘nfucatela!

Si craje tu truove ‘nfosa ‘sta chiazza,
so’ lacreme d’ammore e no sputazza!

Carugnona, Carugnona,
manco stasera te si affacciata!
Ma io t’ho giuro eh!
Io nun torno cchiù!

Il testo contenuto in questa pagina è di proprietà dell’autore. WikiTesti è un’enciclopedia musicale con lo scopo di far conoscere a quante più persone possibile il panorama musicale.



LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here