Serenata spassose

Testo Della Canzone

Serenata spassose di Canzoni Abruzzesi

Testo di C. Romagnolo
Musica di Antonio Di Jorio

Che serate nduvenate!
stelle d’ore e luna chiare
s’arrimmire mmezz’ a mmare,
pi ssugnà.
Cantature e prufissure,
vu a ssinistre e quille a ddestre;
pronte sott’a la finestre,
pi ccantà.
Cuminceme a bassa voce,
doce, doce, la canzone
di Giuvì…

“Giuvì,
Mo che le stelle
fa lu mare
suspirà,
ssa fenestrelle
bell’ e ccare
nin ‘nzerrà;
ssa faccetelle
fa vvedè!”.

L’ aria fine di marine
coma fa venì vulije
di ntreccià mo’ na quatrije
pi bballà!
Su bandiste, genta triste,
preparete l’acciarine,
l’urganette e le scupine,
pi ssunà.
Cuminceme a ddà de mane
piane piane a la sunate
di Giuvì…

“Giuvì,
Mo che le stelle
fa lu mare
suspirà,
ssa fenestrelle
bell’ e ccare
nin ‘nzerrà;
ssa faccetelle
fa vvedè!”.

Che nuttate de le fate!
Nghi li lume de la feste,
gne na spose, s’areveste,
la cità!
Ma la bbella nn’è cchiù quelle;
la finestre nz’è ‘rraperte:
nu canteme a lu deserte:
“sol mi fa”.
Pi ffinale mò ntunate
na fischiate, pè ssuspette
di Giuvì…

“Giuvì,
Mo che le stelle
fa lu mare
suspirà,
ssa fenestrelle
bell’ e ccare
nin ‘nzerrà;
ssa faccetelle
fa vvedè!”.

Il testo contenuto in questa pagina è di proprietà dell’autore. WikiTesti è un’enciclopedia musicale con lo scopo di far conoscere a quante più persone possibile il panorama musicale.



LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here