Serenatella stunate

Testo Della Canzone

Serenatella stunate di Canzoni Abruzzesi

Testo di C. R. D’Evrano
Musica di Antonio Di Jorio

PE’ nciele tanta stelle
nèn s’è viste mà,
gne stà serata belle,
tanta stelle a luccecà,
Margaritella mè!

Na serenata scicche
ti vulesse fa;
ma sta chetarra vicchie
nnè le pozze cchiù ccurdà,
Margaritella mè!

Ma tu nin siente?
Tu nin t’affiecce?
Tu cchiù m’intricce
sone e cante….
nfringche,nfringhe
nfringhe, nfrà.

Le lucenacappelle
a fa la spia be’
e sta le raganelle
ntra le canne a ffà: grè grè
Margaritella mè!

Na cchiù bella canzone
ti vulesse fa;
ma sta chetarra stone
nnè le sacce cchiù curdà,
Margaritella mè!

Ma tu nin siente?
Tu nin t’affiecce?
Tu cchiù m’intricce
sone e cante….
nfringche,nfringhe
nfringhe, nfrà.

La lune a la Majelle
sta pe scumparì,
li grille a mille a mille
ntra la jerve fa. Crì crì
Margaritella mè!

E mo’ la serenate
nnè le pozze fa’,
le corde s’è stuccate
tu nti ‘vute aresbeija
Margaritella mè!

Ma tu nin siente?
Tu nin t’affiecce?
Tu cchiù m’intricce
sone e cante….
nfringche,nfringhe
nfringhe, nfrà.

Il testo contenuto in questa pagina è di proprietà dell’autore. WikiTesti è un’enciclopedia musicale con lo scopo di far conoscere a quante più persone possibile il panorama musicale.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here