Signora del quinto piano

Album

È contenuto nei seguenti album:

Testo Della Canzone

Signora del quinto piano di Nino D’Angelo

E te veco ancora,
cchiù bbella ancora,
quanno scinne ‘e sscale
e parle sola, sola
e stà vita ca nunn’è cagnata e si scuntenta
e te siente triste e stanca.

E te veco ancora, bella signora,
quanno puorte ‘a scola chesti ddoje criature
si putesse m’accattasse chello ca tu pienze
pè ce mettere a mme ‘a dinto.

E vestesse ‘e juorne ca sò uguali a tutte juorne
cù pparole nove ca nun t’hanno ditto maje
te purtasse ‘a luna, quanno me cercasse ‘a luna
e t’annascunnesse addò nun pò sentì nisciuno

E dirti quanto ti amo
signora del quinto piano
tu faje ascì ‘o sole a milano
miette ‘e palazze ‘int
o mare
e dirti ti amo
quando nessuno ti ama
quanno te siente delusa, tradita,
e staje male, stò mmale cu tte
e t’aspetto sempe, te saluto sempe
t’accumpagno sempe e te lasso a ‘st’ascensore
ca te porta ‘o quinto piano.

E te veco ancora, bella signora,
quanno chiagne ‘a sera fore a ‘stu balcone
aspettanno a chi nun t’ha capito ancora
e te lassa sempe sola.
E te bbive ‘e llacreme c’affonnano chist’uocchie
dinta ninna nanna p’addurmì nu figlio tuoio
te cagnasse ‘o core pè stà io dint
a stu core
pè te dà st’ammore ca nunnè saputo maje

E diri quanto ti amo
…………………………
…………………………

E te veco ancora, bella signora
comme sì cuntenta che è arrivato lui
e stasera, pure ‘o quinto piano
s’e’ stutata ‘a luce

Il testo contenuto in questa pagina è di proprietà dell’autore. WikiTesti è un’enciclopedia musicale con lo scopo di far conoscere a quante più persone possibile il panorama musicale.



LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here