Signurenella

È la colonna sonora dei seguenti libri:

Testo Della Poesia

Signurenella di Galdieri

Rocco Galdieri

Che ghiate a fa a ‘sta scola ogne matina,
che ghiate a fa a ‘sta scola d’ ‘o Giesù?
Vuie site accussì ghianca e accussì fina
ca l’aria matutina
male ve fa. Nun ghiate a’ scola cchiù!
E quanno avite a ttaglio ‘a signurina,
dicitele ca ‘nu
giuvinotto v’ha ditto, stammatina:
« Che ghiate a fa a ‘sta scola d’ ‘o Giesù?»
Vuie site comme a cchi, niente penzanno,
cu’ ‘e stesse mane soie, se ‘ntrezza ‘a sciorta!
E i’ ve veco passà, se’ mise all’anno,
tutte ‘e mmatine cu’ ‘nu guardaporta.
‘Nu guardaporta c’ ‘a cartiera ‘nmano,
che v’accumpagna senza dì parola…
Ma se ferma ‘a luntano,
quanno è ca vuie trasite dint’ ‘a scola…
Guarda ‘nu poco… po’… non ne po’ cchiù;
e se ne va chiagnenno e suspiranno:
« Ma ‘a pozzo mannà sola? »
Che ghiate a fa… che ghiate a fa a ‘sta scola
d’ ‘o Giesù?
Avite ditte a ‘na cumpagna vosta
ca v’ha spiato: « Papù tuo che fa? »
« Mio padre? Stà… impiegato sopra ‘a Posta
E nun avite ditto ‘a verità…
E avite ditto pure ‘na buscia,
dicenno l’indirizzo a ‘o direttore…
Gnorsì… Vuie state ‘e casa a cchella via…
dint’ a chillu palazzo, sissignore…
Ma ‘o quarto piano no… nu’ state llà…
Vuie nun tenite ‘stu…
superbo appartamento…
E si è pe’ farve rossa ogne mumento, …
che ghiate a fa…
che ghiate a fa a ‘sta scola d’ ‘o Giesù?!…

Il testo contenuto in questa pagina è di proprietà dell’autore. WikiTesti è un’enciclopedia musicale con lo scopo di far conoscere a quante più persone possibile il panorama musicale.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here