Sor Campana

Album

È contenuto nei seguenti album:

Testo Della Canzone

Sor Campana di Canzoni Romane

Sentite che vi dico, cara gente,

tra giorni ariverà la fin der monno.

Ce tòcca a mori’ tutti d’accidente,

se n’anneremo tutti a lo sprofanno.

Tanto ricchi e poveretti

da mori’ semo costretti

A uno a uno

v’avverto nun pagate più nessuno.

Un antri avvertimento, gente mia:

nun v’avvilite state allegramente,

bevete sempre a buffo all’osteria

che tanto a Giggi nun j’impora gnente.

Ma si poi quarche padrone

baccajasse c’è er bastone,

diteje tonno:

er conto lo pagamo all’antro monno.

Quanno saremo morti tutti quanti

pe’questa fin der monno all’improvviso

der celo noi saremo l’abbitanti,

e fineremo certo in paradiso.

Ma si Giggi fa da tondo

e vie’su a poracce er conto

Er Padreterno

lo schifferà de botto giù all’inferno.

Volete un bon cosijo, cara gente.

e un ber rimedio pe’ pagà’ li buffi?

Achi vie’ a chiede nun je date gnente,

roppeteje un bastone su li luffi.

Speciarmente all’esattore,

sempre pronti cor tortore.

Da Giggi puro,

bevete sempre e poi segnate ar muro.

==================================
Antifemministo!

Co’ tutto che so’ ancora co’ la vesta

le donne gia’ ce fanno l’avvocate

e de ‘sti giorni se so’ messe ‘n testa

de fasse elegge puro deputate.

sicche’ mo’ ce tocca vede

quarche donna che sta a sede

co’ sentimento

in mezzo a tanti membri in Parlamento!

Il testo contenuto in questa pagina è di proprietà dell’autore. WikiTesti è un’enciclopedia musicale con lo scopo di far conoscere a quante più persone possibile il panorama musicale.



LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here