Stiamo come stiamo

Album

È contenuto nei seguenti album:

1994 Bertex, ingresso libero

Testo Della Canzone

Stiamo come stiamo di Festival di Sanremo 1993

(di Maurizio Piccoli e Loredana Bertè)
Loredana Bertè e Mia Martini

stiamo come siamo
mezzanotte nella mano
di qua dal cielo e pertanto
slacciati i pensieri dura
finche dura questa eternita’
stiamo come stiamo
usati di seconda mano
nel cuore un buio totale
l’unico innocente che sorride
e fa i miracoli che fa
lega questa sera i tuoi
bottoni della giacca
ci pensi ancora a morire
la felicita’
da quale parte si e nascosta
onda su onda verra’
stiamo come stiamo
con quel muso da aereoplano
e un gatto rosso di colore
presi in contropiede da una nuvola
di semioscurita’
giorni senza scuola
giorni e rabbia che poi vola
in mezzo ai piatti di carta
stiamo rotolando
come tanti cuori in gola
in cerca ancora di noi
ma i fari passano tagliando
la notte sopra il mare
c’e’ una piramide di cielo
ancora da scalare
per noi soldati di ventura
in questo metroquadro
si pero adesso e molto dura
lo sfameremo questo amore cosi magro
stiamo come stiamo
mezzanotte nella mano
di qua dal cielo e pertanto
slacciati i pensieri e dura
finche dura questa eternita’
sono sabbie mobili
le terre di speranza
ma non c’e’ strada migliore
la felicita’
da quale parte si e nascosta
onda su onda verra’
ma i fari passano tagliando
la notte sopra il mare
c’e’ una piramide di cielo
ancora da scalare
per noi soldati di ventura
in questo metroquadro
si pero adesso e molto dura
lo sfameremo questo amore cosi magro
e i fari passano tagliando
la notte sopra il mare
e quelle stelle sulla testa
nascondono sorprese
i sogni partono fischiando
le ruote sui dolori
restiamo appesi con lo sguardo
che forse i tempi sono meno duri

Il testo contenuto in questa pagina è di proprietà dell’autore. WikiTesti è un’enciclopedia musicale con lo scopo di far conoscere a quante più persone possibile il panorama musicale.

Accordi

   
C
STIAMO COME SIAMO

MEZZANOTTE NELLA MANO

F#sus4                   F#m
DI QUA DAL CIELO E PERTANTO

Gsus4
SLACCIATI I PENSIERI DURA

FINCHE DURA QUESTA ETERNITA'

STIAMO COME STIAMO

USATI DI SECONDA MANO

NEL CUORE UN BUIO TOTALE

C                        G6
L'UNICO INNOCENTE CHE SORRIDE

                    D
E FA I MIRACOLI CHE FA

G
LEGA QUESTA SERA I TUOI

BOTTONI DELLA GIACCA

D
CI PENSI ANCORA A MORIRE

G
LA FELICITA'

DA QUALE PARTE SI E NASCOSTA

Em9             Bsus4
ONDA SU ONDA VERRA'

STIAMO COME STIAMO

CON QUEL MUSO DA AEREOPLANO

G#m
E UN GATTO ROSSO DI COLORE

D                           A6
PRESI IN CONTROPIEDE DA UNA NUVOLA

             E
DI SEMIOSCURITA'

A
GIORNI SENZA SCUOLA

GIORNI E RABBIA CHE POI VOLA

E
IN MEZZO AI PIATTI DI CARTA

A
STIAMO ROTOLANDO

COME TANTI CUORI IN GOLA

F#m6
IN CERCA ANCORA DI NOI

C#m9      A              F#m
MA I FARI PASSANO TAGLIANDO

         E
LA NOTTE SOPRA IL MARE

           A6           F#m
C'E' UNA PIRAMIDE DI CIELO

       E
ANCORA DA SCALARE

           A            F#m7
PER NOI SOLDATI DI VENTURA

          E
IN QUESTO METROQUADRO

          A6
SI PERO ADESSO E MOLTO DURA

A       F#m7                      E A
LO SFAMEREMO QUESTO AMORE COSI MAGRO

E
STIAMO COME STIAMO

MEZZANOTTE NELLA MANO

G#m
DI QUA DAL CIELO E PERTANTO

D
SLACCIATI I PENSIERI E DURA

A6                       E
FINCHE DURA QUESTA ETERNITA'

A
SONO SABBIE MOBILI

LE TERRE DI SPERANZA

E
MA NON C'E' STRADA MIGLIORE

A
LA FELICITA'

DA QUALE PARTE SI E NASCOSTA

F#m6            C#m9
ONDA SU ONDA VERRA'

          A              F#m
MA I FARI PASSANO TAGLIANDO

         E
LA NOTTE SOPRA IL MARE

           A6           F#m
C'E' UNA PIRAMIDE DI CIELO

       E
ANCORA DA SCALARE

           A            F#m7
PER NOI SOLDATI DI VENTURA

          E
IN QUESTO METROQUADRO

          A6
SI PERO ADESSO E MOLTO DURA

A       F#m7                      E
LO SFAMEREMO QUESTO AMORE COSI MAGRO

         A              F#m7
E I FARI PASSANO TAGLIANDO

         E
LA NOTTE SOPRA IL MARE

         A6             F#m7
E QUELLE STELLE SULLA TESTA

        E
NASCONDONO SORPRESE

        A               F#m7
I SOGNI PARTONO FISCHIANDO

         E
LE RUOTE SUI DOLORI

           A6
RESTIAMO APPESI CON LO SGUARDO

A           F#m7              E A E
CHE FORSE I TEMPI SONO MENO DURI  

***

Social

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here