Storia ‘e ‘nu passarotto e ‘na cardella

È la colonna sonora dei seguenti libri:

Testo Della Poesia

Storia 'e 'nu passarotto e 'na cardella di Peppino De Filippo

‘Ncimm’ ‘a ‘nu campanaro ‘e ‘na cchiesiella,
cu quatte file d’èvera e pagliuzze,
‘mmiez’ ‘a ‘nu tuppe ‘e verde, ‘nu cardillo
aveva fatt’ ‘o nido p’ ‘a cardella
e pe’ tre cardelluzze:
tre figlie, tutte quante femmenelle.
‘A primma nun aveva ancora miso
ddoje penne ‘ncuollo e già parlava ‘e sposo.
Difatte, proprio ‘e faccia ‘a chiesiella,
steva ‘na luggetella,
‘nfussata ‘mmiez’ ‘o vverde ‘e mille sciure
‘e tutt’ ‘e culure.
E ‘mmiez’ ‘a chelli ffronne, ogne matina,
‘nu passarotto ce s’annascunneva
guardanno fisso ‘ncopp’ ‘o campanaro:
quanta suonne felice se faceva!
E ‘a che spuntava ‘o sole ‘nfin’ ‘a sera
cantava accussì ddoce, accussì caro
che ‘a cardelluccia se n’annammuraje.
‘Na sera ‘e primmavera, dinto maggio,
‘ncopp’ ‘a ‘na fenestella ‘e ‘nu cunvento,
‘o passero facette giuramento:
“Maje, cardelluccia mia, te lassarraggio.
Me restarraje pe’ ssempe ‘int’ ‘a ‘stu core…
e, si sapisse, è pronta pure ‘a casa,
‘nnammuratella mia, pe’ chist’ammore…
Là, guarda, ‘mmiez’ ‘a chella pianta ‘e rose,
‘nu nido sto facenno ‘e fronne ‘e viole
pe’ quanno spusarrammo…”.
‘A cardelluccia zitto rispunnette:
“Papà nun vò… mammà me n’ha parlato,
ma niente ancora buono m’ha spiegato.
Lassa fa’ a mme: sperammo…
statte senza penziero”, lle dicette.
E stess’ ‘o juorno ne parlaje cu ‘o pate;
me se sentette ‘e dì: “Tu fusse pazza?
Grandezza ‘e Dio, sempe fore peccato,
màmmeta nun t’ha ditto? Haggio giurato,
specie cu tte, che sei la prima figlia,
‘e sustené l’orgoglio della razza.
Già simmo troppo poco calculate,
‘nce manca, mò, ‘nu passero ‘nfamiglia”:
E pe’ paura ‘e nun ‘o cuntraddì,
‘a cardelluccia lle dicette: “Sì”!
E nne passaje nuttate chiare chiare…
cu ‘nu penziero sulo dint’ ‘o core:
“Chi sa che penza ‘e me
quanno cchiù nun me trova, puntualmente
nascosta ‘mmiez’ all’albero ‘e ceràse
luntano quatte miglie d’ ‘o paese!
M’aspettarrà, cantanno inutilmente…
e allora, pe’ dispietto, n’ata sposa
se truvarrà, cchiù libera e cianciosa”.
Ma ‘o passero, ‘e rimpetto,
cchiù ‘nnammurato ‘e primma,
nun truvava né pace né arricietto.
E svulacchianno ‘ncopp’ ‘o campanaro,
pe’ ‘nu ricordo caro,
quanno puteva, spisso ce faceva
cadé ‘a ‘ntrasatto ‘na frunnella ‘e rosa,
‘na fugliulella ‘nfosa:
‘nfosa ‘e lacreme d’ammore
pe’ chillu core ‘nfame e traditore!
Ma stanco, ‘na matina,
penzaje:
“Mò ce parlo io cu ‘o pate”,
e senza ce penzà ‘ncoppa ddoje vote,
pe’ presentarse comme a ‘nu signore,
dint’ ‘a ‘nu poco d’acqua ‘e ‘na funtana,
ca ll’aria fresca e fina
‘e ‘na nuttata sana
aveva fatto quase cristallina,
cu quatte bott’ ‘e scelle se sciacquaje,
se refriscaje…
e quanno ll’acqua attuorno s’ appusaje,
spicchiannose llà ddinto,
cuntento se vedette lindo e pinto.
E zumpettianno ‘mmiez’ ‘e gesummine
e ‘a ‘na schiuppata ‘e rose d’ ‘o Giappone,
chino ‘e friémmete ‘e passione,
tutto se prufumaje.
E comme a ‘na saetta, una vulata,
filaje deritto ‘a casa ‘e chella sposa;
ma nun appena ‘ncoppa, che delore…
quanta malincunia pe’ chillu core…
truvaje ‘na casa sola, abbandunata,
addò sparse d’ ‘o viento, attuorno spase,
steveno ancora ddoje frunnelle ‘e rose.
Cercaje d’avè nutizie e ll’appuraje
pe’ vocca ‘e ‘nu frungillo.
Era succìeso ca papà cardillo,
pe’ bbia che ‘a primma figlia
nun se scurdava maje chella passione,
dicette: ” Mò levammo l’occasione,
si no succede ca ce faccio ‘e spese”.
Pigliaje tutt’ ‘a famiglia,
e comme steva, ‘e notte s’ ‘a purtaje
fore paese,
cchiù luntano assaje!
Da chillu juorno ‘o passero campaje
senza sapé pecché… accussì, pe’ niente.
Campava p’ ‘o ricordo sulamente.
Vulaje ‘na settimana p’ ‘e campagne,
p’ ‘e strate chiene ‘e pòvere e sulagne,
cercanno ‘mmiez’ ‘e ssèpe, ‘ncopp’ ‘e mure…
e ne scanzava bott’ ‘e cacciature.
E tutt’ ‘e ssere, ‘mpunt’ ‘avemmaria,
vulava pe’ chill’albero ‘e cerase
luntano quatte miglie d’ ‘o paese…
ce se fermava… e… che malincunia!…
s’arricurdava ‘e tutto quanto ‘ammore.
E fuje proprio llà sotto che ‘na sera,
trasenno ‘estate
(che schianto e che delore!),
‘o passero truvaje ‘nterra stecchita
e fredda ‘a cardelluccia amata:
teneva sott’ ‘a scella ‘na ferita:
‘na scuppettata!
. . . . . . . . . . .

Schiarava juorno! Chianu chiano ‘o sole,
scarfanno tutt’ ‘e ffronne e ‘a terra ‘nfosa,
faceva ll’aria fresca cchiù addirosa
e meglio respirà. Dduje campagnuole,
passanno ‘a llà, uno ‘e lloro s’acalaje:
“Ch’è stato?
Ch’he truvato?
‘O regaluccio p’ ‘o purtà ‘a nennella?
– Niente: munnezza:
robba ‘e poco prezzo!
Mettette ‘o pere ‘ncoppa e scamazzaje
‘nu passarotto muorto e ‘na cardella!

Il testo contenuto in questa pagina è di proprietà dell’autore. WikiTesti è un’enciclopedia musicale con lo scopo di far conoscere a quante più persone possibile il panorama musicale.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here