Stornelli

Album

È contenuto nei seguenti album:

Testo Della Canzone

Stornelli di Canzoni Romane

Alvaro Amici

Passava ‘n giorno un frate, e ‘na regazza J’annette a domannà si che ora era;
Ma er frate dritto, che capì la guazza, de botto j’arispose a ‘sta maniera:
“Si ‘sta tunica de pezza fusse bronzo, che bellezza:
A bella mora, adesso sentiressi sbatte l’ora!”

Un macellaro sòna er campanello, e ‘na servetta córe co’ la sporta;
Se sente un gran silenzio e sur più bello se trova la padrona su la porta.
– Senza scene, me permetta -dice pronta la servetta-
Perché vuol farne?Si lui me sòna vengo e pìo la carne.

Stanotte me sò fatto un sogno strano, me sò svejato co le man’ar petto:
Pareva che ‘na bomba d’areoplano m’era cascata propio accant’ar letto.
Io svejai la mi’ consorte:”Ma ched’è sto botto forte?”
“marito mio, pòi sta tranquillo ché sò stata io.

Diceva er sor Mariano a mastro Pietro:”Che tempi disgrazziati sò venuti!
Invece d’annà avanti annamo ‘ndietro,è pieno de ruffiani e de cornuti.
Si le corna a ‘gni marito diventasse riso o grano, è chiar’e tonno,
se sazzierebbe tutto quant’er monno.

Un giuvinotto bionno e affemminato salì sur tranve e poi se mise a sede;
Er fattorino je strillò indignato:”perché nun fa er bijetto?
Chi se crede? “quer ber tipo je sussura:”paga puro la verdura?”
“Nun fa er pidocchio, qui paga tanto l’òmo ch’er finocchio!”

Le Ferovie appartengheno a lo Stato è bello assai er servizio che te fanno!
Si monti drento ar treno, dopp’un anno si nun mori acciaccato, sei arivato.
Si voi fà quarche viaggetto e pijà te voi er diretto,
poco ce manca che arivi vecchio e co’ la barba bianca.

Pe’ fa pijà un po’ d’aria ar regazzino un giorno ‘na mammetta va pe’ prati.
E védeno attaccati p’er cudino Un cane e ‘na caggnetta innammorati.
Robbertino vo’ sapere si che d’è quer ber mestiere,
e la mammina dice ch’er cane nun cià più benzina.

Er sor Gregorio invita Maddalena a dondolasse un po’ sull’artalena;
Je dice co l’astuzzia necessaria:”Stà a sede, che te dondolo per aria;
Te fo vede er paradiso”. Lei risponne rossa ar viso:
“Sò persuasa, però ho lassato le mutanne a casa.

Una bella signora stava ar mare, e prese confidenza co ‘n negretto;
Cor sandalino vanno a navigare, lei pija er remo in mano e lo tiè stretto.
Nove mesi a l’ore esatte lei fa ‘n pupo caffellatte;
E ancora giura ch’è tutta córpa de l’abbronzatura.

Il testo contenuto in questa pagina è di proprietà dell’autore. WikiTesti è un’enciclopedia musicale con lo scopo di far conoscere a quante più persone possibile il panorama musicale.



LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here