Stornelli al modo delle raccoglitrici d’olive

Album

È contenuto nei seguenti album:

Testo Della Canzone

Stornelli al modo delle raccoglitrici d'olive di Italia Ranaldi

Canzoni Laziali
Italia Ranaldi

Stasera ce rivado e lo rivedo
quel morettino alla piazza seduto,
e lo rivedo
quel morettino alla piazza seduto.

Aiutame, cavallo, a sta salita,
che quanno è ‘ncima te metto la biada,
a sta salita,
che quanno è ‘ncima te metto la biada.

Amore, amore, che m’hai fatto fare?
a quindic’anni m’hai fatto impazzire,
de babbo e mamma m’hai fatto scordare.

Se qualcheduno te chiedesse il core
dije che sta lontano chi lo tiene,
chiedesse il core
dije che sta lontano chi lo tiene.

Povero amore mio, mo’ me se more,
s’è consumato e non è stato male,
s’è lacerato ce’ lo fa l’amore.

Tutti li fiori vojo maledire,
la rosa me la vojo riservare,
e maledire,
la rosa me la vojo riservare.

Tengo lo core mio fra due difese,
non saccio quale ama de ste due rose,
tra due difese,
non saccio quale ama de ste due rose.

Tengo na pena ar core, credo sia quella:
chi bene me voleva mo’ non me parla,
credo sia quella:
chi bene me voleva mo’ non me parla.

Se posso riarrivare a casa mia
in braccio me butto a chi tanto m’amava,
a casa mia,
in braccio me butto a chi tanto m’amava.

Monichella de Dio me vojo fare,
vojo lascià sto mondo ingannatore,
me vojo fare,
vojo lascia sto mondo ingannatore.

Il testo contenuto in questa pagina è di proprietà dell’autore. WikiTesti è un’enciclopedia musicale con lo scopo di far conoscere a quante più persone possibile il panorama musicale.



LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here