Stornelli der Sor Capanna – Canzone romana

Album

È contenuto nei seguenti album:

Testo Della Canzone

Stornelli der Sor Capanna – Canzoni Romane

Alvaro Amici

Passava ‘n giorno un frate, e ‘na regazza
J’annette a domannà si che ora era;
Ma er frate dritto, che capì la guazza,
De botto j’arispose a ‘sta magnera:
“Si ‘sta tunica de pezza
Fusse bronzo, che bellezza:
A bella mora,
Adesso sentiressi sbatte l’ora!
A bella mora,
Adesso sentiressi sbatte l’ora!”
Passava un giorno un frate, e una ragazza
Gli andò a domandare che ore fossero;
Ma l’astuto frate, che capì lo scherzo,
Senza indugio le rispose in questo modo:
“Se questa tunica di panno
Fosse bronzo, che bellezza:
O bella mora,
Adesso sentiresti batter l’ora!
O bella mora,
Adesso sentiresti batter l’ora!”

Appena cominciò l’inno reale
La gente ner teatro s’arzò in piede;
Sortanto Giovannino lo spezziale
Essendo un sovversivo restò a sede.
Tutti dissero “A la porta!”,
Lui rispose “Che me’mporta?
Me fa piacere:
Mantengo li principi in der sedere.
Me fa piacere:
Mantengo li principi in der sedere”.
Appena cominciò l’inno reale
La gente nel teatro s’alzò in piedi;
Soltanto Giovannino il droghiere
Essendo un sovversivo restò seduto.
Tutti dissero “Alla porta!”,
Lui rispose “Che m’importa?
Mi fa piacere:
Conservo i principi nel sedere.
Mi fa piacere:
Conservo i principi nel sedere”.

‘Na notte me’nzognai che stavo ar mare,
Facevo er bagno co ‘na signorina;
Mentre sciacquavo in mezzo all’onne chiare,
M’accorsi ch’era bòna e assai carina.
Tutt’a ‘n botto me svejai,
Giù dar letto me trovai…
Poi s’ariseppe
Che stavo co li piedi ‘n der zipèppe.
Poi s’ariseppe
Che stavo co li piedi ‘n der zipèppe.
Una notte sognai di stare al mare,
Facevo il bagno con una signorina;
Mentre sguazzavo fra le onde chiare,
M’accorsi ch’era rotondetta e assai carina.
Tutt’a un tratto mi svegliai,
Giù dal letto mi trovai…
Poi si venne a sapere
Che stavo con i piedi nel vaso da notte.
Poi si venne a sapere
Che stavo con i piedi nel vaso da notte.

Un macellaro sòna er campanello,
E ‘na servetta córe co’ la sporta;
Se sente un gran silenzio e sur più bello
Si trova la padrona su la porta.
– Senza scene, me permetta –
Dice pronta la servetta
– Perché vuol farne?
Si lui me sòna vengo e pìo la carne.
Perché vuol farne?
Si lui me sòna vengo e pìo la carne.
Un macellaio suona il campanello,
E una servetta corre con la sporta;
Si ode un gran silenzio e sul più bello
Si trova la padrona sulla porta.
– Senza scene, mi permetta –
Dice pronta la servetta
– Perché vuol farne?
S’egli mi suona vengo e prendo la carne.
Perché vuol farne?
S’egli mi suona vengo e prendo la carne.

Stanotte me sò fatto un sogno strano,
Me sò svejato co le man’ar petto:
Pareva che ‘na bomba d’areoplano
M’era cascata propio accant’ar letto.
Io svejai la mi’ consorte:
“Ma ched’è sto botto forte?”
“Marito mio,
Pòi sta tranquillo ché sò stata io.
Marito mio,
Pòi sta tranquillo ché sò stata io.”
Stanotte ho fatto un sogno strano,
Mi son destato con le mani al petto:
Sembrava che una bomba d’aeroplano
Fosse caduta proprio accanto al letto.
Io svegliai la mia consorte:
“Ma cos’è questo colpo forte?”
“Marito mio,
Puoi star tranquillo ché son stata io.
“Marito mio,
Puoi star tranquillo ché son stata io.”

M’hanno ordinato tante medicine,
P’er male che ciò drento ne la panza.
Però fra scatolette e boccettine
C’è più de robba scritta che sostanza.
C’è un opuscolo stampato
Che m’ha propio entusiasmato:
Adesso ho fame:
De certo m’ha guarito la réclame.
Adesso ho fame:
De certo m’ha guarito la réclame.
M’hanno ordinato tante medicine,
Per il male che ho dentro la pancia.
Però fra scatolette e boccettine
C’è più testo scritto che sostanza.
C’è un opuscolo stampato
Che m’ha proprio entusiasmato:
Adesso ho fame:
Di certo mi ha guarito la réclame.
Adesso ho fame:
Di certo mi ha guarito la réclame.

Diceva er sor Mariano a mastro Pietro:
“Che tempi disgrazziati sò venuti!
Invece d’annà avanti annamo ‘ndietro,
È pieno de ruffiani e de cornuti.
Si le corna a ‘gni cristiano
Diventasse riso o grano,
È chiar’e tonno,
Se sazzierebbe tutto quant’er monno.
È chiar’e tonno,
Se sazzierebbe tutto quant’er monno.
Diceva il signor Mariano a mastro Pietro:
“Che tempi disgraziati son venuti!
Invece d’andare avanti andiamo indietro,
È pieno di ruffiani e di cornuti.
Se le corna ad ogni uomo
Diventassero riso o grano,
È chiaro e tondo,
Si sazierebbe tutto quanto il mondo.
È chiaro e tondo,
Si sazierebbe tutto quanto il mondo.

Un giuvinotto bionno e affemminato
Salì sur tranve e poi se mise a sede;
Er fattorino je strillò indignato:
“Perché nun fa er bijetto? Chi se crede?”
Quer ber tipo je sussura:
“Paga puro la verdura?”
“Nun fa er pidocchio,
Qui paga tanto l’òmo ch’er finocchio!
Nun fa er pidocchio,
Qui paga tanto l’òmo ch’er finocchio!”
Un giovanotto biondo ed effeminato
Salì sul tram e poi si mise seduto;
Il bigliettaio gli strillò indignato:
“Perché non fa il biglietto? Chi si crede?”
Quel bel tipo gli sussurra:
“Paga anche la verdura [1] ?”
“Non fare l’avaro,
Qui paga tanto l’uomo che l’omosessuale!
Non fare l’avaro,
Qui paga tanto l’uomo che l’omosessuale!”
1. – riferito a finocchio (“omosessuale”)

Le Ferovie appartengheno a lo Stato
È bello assai er servizio che te fanno!
Si monti drento ar treno, dopp’un anno
Si nun mori acciaccato, sei arivato.
Si voi fà quarche viaggetto
E pià te voi er diretto,
Poco ce manca
Che arivi vecchi e co’ la barba bianca.
Poco ce manca
Che arivi vecchio e co’ la barba bianca.
Le Ferrovie appartengono allo Stato
È assai bello il servizio che offrono!
Se monti sul treno, dopo un anno
Se non muori schiacciato, sei arrivato.
Se vuoi far qualche viaggetto
E prender vuoi il diretto,
Quasi quasi
Arrivi vecchio e con la barba bianca.
Quasi quasi
Arrivi vecchio e con la barba bianca.

Pe’ fa pijà un po’ d’aria ar regazzino
Un giorno ‘na mammetta va pe’ prati.
E védeno attaccati p’er cudino
Un cane e ‘na caggnetta innammorati.
Robbertino vo’ sapere
Si ched’è quer ber mestiere,
E la mammina
Dice ch’er cane nun cià più benzina.
E la mammina
Dice ch’er cane nun cià più benzina.
Per far prendere un po’ d’aria al bambino
Un giorno una giovane mamma va pei prati.
E vedono attaccati per il codino
Un cane e una cagnetta innamorati.
Robertino vuol sapere
Cos’è quella bella pratica,
E la mammina
Dice che il cane non ha più benzina.
E la mammina
Dice che il cane non ha più benzina.

Er sor Gregorio invita Maddalena
A dondolasse su la canoffiena;
Je dice co l’astuzzia necessaria:
“Stà a sede, che te dondolo per aria;
Te fo vede er paradiso”.
Lei risponne rossa ar viso:
“Sò persuvasa,
Però ho lassato le mutanne a casa.
Sò persuvasa,
Però ho lassato le mutanne a casa.”
Il signor Gregorio invita Maddalena
A dondolarsi sull’altalena;
Le dice con l’astuzia necessaria:
“Stai seduta, che ti dondolo per aria;
Ti faccio vedere il paradiso”.
Lei risponde rossa in viso:
“Sono convinta,
Però ho lasciato le mutande a casa.
Sono convinta,
Però ho lasciato le mutande a casa.”

Una bella signora stava ar mare,
E prese confidenza co ‘n negretto;
Cor sandalino vanno a navigare,
Lei pija er remo in mano e lo tiè stretto.
Nove mesi a l’ore esatte
Lei fa ‘n pupo caffellatte;
E ancora giura
Ch’è tutta córpa de l’abbronzatura.
E ancora giura
Ch’è tutta córpa de l’abbronzatura.
Una bella signora stava al mare,
E prese confidenza con un negretto;
Col sandolino vanno a navigare,
Lei prende il remo in mano e lo tien stretto.
Dopo nove mesi precisi
Lei fa un bambino caffellatte;
E ancora giura
Che è tutta colpa dell’abbronzatura.
E ancora giura
Che è tutta colpa dell’abbronzatura.

Si n’omo poveraccio è disperato
Gnisuno mai je presta mille lire;
La donna invece presto ha arimediato,
Trova quarcuno che la pò nutrire.
L’omo becca un liscebbùsso;
A la donna va de lusso:
Senza fatica
Guadambia cor sudore de la fica.
Senza fatica
Guadambia cor sudore de la fica.
Se un uomo poveretto è disperato
Nessuno mai gli presta mille lire;
La donna invece presto ha rimediato,
Trova qualcuno che la può nutrire.
All’uomo tocca un duro trattamento;
Alla donna va tutto liscio:
Senza fatica
Guadagna col sudore della vulva.
Senza fatica
Guadagna col sudore della vulva.

Chi pija moje in oggi, poveretto,

pe’ dorci ha da magnà’ li mostaccioli,

pe’ Roma nun se trova più un confetto,

se deve contentà de li facioli.

Si la sposa, poverella,

se ne magna ‘na scudella;

sai che cagnara,

la sera va a dormi’ co’ la fanfara.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here