Straniera straniera

Album

È contenuto nei seguenti album:

Testo Della Canzone

Straniera straniera di Festival di Sanremo 1973

(Franco Chiaravalle e Franco Specchia)
Lionello

Quel bambino chi è, la bambina chi è…
quel bambino son io, la bambina sei tu
con vent’anni di più.
Ma il cortile dov’è, quella pianta dov’è…
quella rosa per chi, quella rosa perché,
io la colsi per te.
Una macchina va
nella grande città,
tutto in te cambierà.
Eri dolce e sincera,
eri tu, eri vera,
mentre adesso ti guardo
poi ti vedo più straniera, più straniera, più straniera.
Era un gioco d’amore,
era un raggio di sole,
riscaldava il mio cuore,
ma l’amore, l’amore, l’amore
che cos’è l’amore…
Eri dolce e sincera,
come l’acqua più chiara,
mentre adesso ti guardo
poi ti vedo più straniera, più straniera, più straniera…
Quella rosa per chi, quella rosa perché,
io la colsi per te.
Una macchina va
nella grande città,
tutto in te cambierà.
Eri dolce e sincera,
come l’acqua più chiara,
mentre adesso ti guardo
poi ti vedo più straniera, più straniera, più straniera…
Eri dolce e sincera,
come l’acqua più chiara,
mentre adesso ti guardo
poi ti vedo più straniera, più straniera, più straniera…
Eri dolce e sincera,
come l’acqua più chiara,
mentre adesso ti guardo
poi ti vedo più straniera, più straniera, più straniera…

Il testo contenuto in questa pagina è di proprietà dell’autore. WikiTesti è un’enciclopedia musicale con lo scopo di far conoscere a quante più persone possibile il panorama musicale.

)

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here