Suonno d’ajere

Album

È contenuto nei seguenti album:

1977 Terra mia

Testo Della Canzone

Suonno d'ajere di Pino Daniele

Canzoni Napoletane
Canzoni Napoletane S

Pulecenella mio
Comme sì’ cagnato
Sta maschera nera t’à si’ levata
Quanta dulure
E quanta suonno d’ajere
Ce sta chi dice
Ca nun viene cchiù
Ma nun è overo
Ca ie so’ fernuto
E allucco pe’ tantö dulore
Pe’ tantö dulore
Tu nun si’ cchiù Pulecenella
Facive ridere e pazzià’
Mo t’arragge e pienze a’ guerra
E nce parle ‘e libertà
I’ allucco ogne minuto
Ncoppa ‘e vocche d’e criature
Ncoppa ‘e mane d’e signure ‘e ‘sta città
Pe chesta miseria ca nce sta’
‘nzino a dinto ‘e recchie
E nun ce lassa manco ‘o tiempo
E nce guardà
Ma a chi stammo aspettanne
Pe stennere ‘sti pannë
‘E parole nun fanne rummore
Nun fanne rummore
Tu nun si’ cchiù Pulecenella
Facive ridere e pazzià’
Mo t’arragge e pienze a’ guerra
E nce parle ‘e libertà.

Il testo contenuto in questa pagina è di proprietà dell’autore. WikiTesti è un’enciclopedia musicale con lo scopo di far conoscere a quante più persone possibile il panorama musicale.

[nextpage title=”Accordi per chitarra”]

Accordi

   
Intro: Lam  Mim   Lam7    Si7   Mim


       Mim          Lam7    Re7     Sol        Lam
Si7              Mim
Pulecenella mio comme sìí cagnato 'sta maschera nera tíà sií levata
                                      Lam7  Re7  Sol       Lam
Si7                       Mim
Quanta dulure e quanta suonno díajere ce sta chi dice ca nun viene cchiù

Lam   Ra7      Sol     Si7           Do        Lam7       Re7      Sol
  Ma nun è overo ca je soí fernuto e allucco peí tantö dulore
           Lam  Si7   Mi
Peí tantö dulore
La                            La7                    Re
Rem
 Tu nun sií cchiù Pulecenella facive ridere e pazziàí
              La                        La7
Re                   Rem
Mo tíarragge e pienze aí guerra e nce parle ëe libertà

(ripetono gli accordi dalla prima strofa: Mim  Lam7   Re7   Sol ....)

Ií allucco ogne minuto
'Ncoppa ëe vocche díe criature
'Ncoppa ëe mane díe signure ëe ësta città
 Pe chesta miseria ca nce staí ënzino a dinto ëe recchie
E nun ce lassa manco ëo tiempo e nce guardà
Ma a chi stammo aspettanne pe stennere ësti pannë
ëE parole nun fanno rummore
Nun fanne rummore

Tu nun sií cchiù Pulecenella
Facive ridere e pazziàí
Mo tíarragge e pienze aí guerra
E nce parle ëe libertà.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here