Tammuriata a ll’antica

Album

È contenuto nei seguenti album:

Testo Della Canzone

Tammuriata a ll'antica di Canzoni Napoletane

(Ernesto MuroloE. A. Mario)

Figliole ‘e Capemonte,
cu zuóccole e tammórre…
aunímmoce e abballammo,
ca è festa e ‘o tiempo corre…

Ogne ommo cu tre vizie nasce e more:
‘O juoco, ll’amicizia e ‘o primmo ammore…
Ma, pe maltrattamente ca mme fa,
d
o primmo ammore mio mm’aggia scurdá…

E anduvinate quanno?
E anduvinate quanno?

Quanno ll’aucielle canosceno ‘o ggrano…
quanno na rosa nasce senza spine…
e a Piererotta nun ce só’ canzone…

Ll’ammore, ‘a ccá nu vaso
e ‘a llá na rasulata…
Ma po’ nu spusalizio…
e doppo na figliata.

Tre vizie tene ‘a ‘nnammurata mia:
‘E cchiacchiere, ‘a tuletta e ‘a gelusia…
E pe’ ‘sta gelusia, nun c’è che fá,
lle voglio bene ma ll’aggi
a lassá…

E anduvinate quanno?
E anduvinate quanno?

Quanno Natale capita d’austo…
quanno ‘o Vesuvio ‘a Napule se sposta…
e ‘a Grotta Azzurra nun è cchiù celeste…

Vintiquatt’ore: ‘E core
giá sbáttono abballanno…
Chisá nennélla mia
che spavo sta tiranno…

E cu che sfizio se pò fá ll’ammore,
quanno ce só’ cuntrarie ‘e genitore…
Io, quanno mamma dice: “Ll’hê ‘a lassá…”
rispongo tomo tomo: “‘A lasso, oje má’…”

Ma anduvinate quanno?
Ma anduvinate quanno?

Quanno ‘o percuoco nasce senza pizzo…
quanno Maria Sufia torna a palazzo…
e ‘o Papa esce, pe’ Roma, ‘inta carrozza!

Il testo contenuto in questa pagina è di proprietà dell’autore. WikiTesti è un’enciclopedia musicale con lo scopo di far conoscere a quante più persone possibile il panorama musicale.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here