Tanto pe’ comincià – Poesia

Testo Della Poesia

Tanto pe’ comincià di Lucio Maria Zappatore

(P. Lucio Maria Zappatore, Parroco di S. Maria Regina Mundi a Torre Spaccata)

Quanno un Papa straniero,
“venuto da lontano”
com’ha detto Lui stesso,
te se mette a parlà ‘n romanesco,
come poi fa finta de gnente e lassà córe?
Da quer momento tutti li romani
l’avemo sentito ancora più vicino,
si ce n’era bisogno: l’avemo sentito
ancora deppiù come uno de noi, talecquale.
E allora avemo pensato de dije grazzie!!!
De dijelo ovviamente, anzitutto co’ la vita:
si vòi bbene a papà
jelo devi dimostrà facenno quer che te dice,
soprattutto quanno te dice d’esse bbono e onesto…
così nun se po’ ringrazià er Papa, facenno poi come ce pare a noi:
er primo grazzie nasce da la vita.
Ma, dato questo pe’ scontato,
a noi c’è piaciuto dije un grazzie, propio alla romana.
Avressimo voluto fa
‘na specie de monumento romanesco in ricordo de Lui:
so’ uscite fori ste paggine.
nun saranno un granchè de monumento,
ma sicuro so’ state scritte cor core,
cor core de li fiji che nun se scordeno
der Papa che j’ha voluto bbene:
der Papa nostro, gajardo e tosto!

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here