Tarantella – Marco D’Arienzo

È la colonna sonora dei seguenti libri:

Testo Della Poesia

Tarantella – Marco D'Arienzo di Marco D’Arienzo

Viene ccà; nun fa cchiù a zeza,
tire e molla, Carmenè!
Vide, vi’, si fatta meza,
ne’ saie dirme lo pecché,
Io porzì mme vedo e sento
mpilo mpilo ndebolì!
mme so fatto no peliento,
nè la causa io saccio dì.
Da chell’ora che a la festa
nce ncontraimo, Carmenè,
tengo mpietto na tempesta,
comme tu l’aje mpietto a te.
Q uanno sto da te lontano
io me sento ascevolì
Tu faie segno co la mano
ch ‘a te pure fa accossì.
Viene mo, ce sta resella
tu no mmito vuoie da me
A ballà la tarantella
fatte nnanza azzecca, azzé.
No carofano scarlato
tengo schiuso Carmenè;
21
a nisciuno ll’agio dato
pe stiparlo schitto a te.
Vi lo core che te dice:
dì, lo vuoje, o non lo vuò?
Si lo cirche e si’ felice;
io lo coglio e te lo dò.
Tu porzì tiene na cosa,
Carmenè, che fa pe mme;
è na bella e fresca rosa
che cchiù cara, no. non c’è.
Pe no poco, no momento
dalla a me, sperenno io sto:
famme, sì, famme contento,
Carmenè, dammella mo.
De sti sciure no mazzetto
voglio farne, nenna, né!
Po’ a ballà no minuetto
vienetenne, Carmenè!

Il testo contenuto in questa pagina è di proprietà dell’autore. WikiTesti è un’enciclopedia musicale con lo scopo di far conoscere a quante più persone possibile il panorama musicale.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here