Tatonno ‘e Quagliarella

Album

È contenuto nei seguenti album:

Testo Della Canzone

Tatonno 'e Quagliarella di Canzoni Napoletane

(CapurroBuongiovanni)
Nino TarantoMassimo Ranieri

Facite comm’a me, senza timore:
cufféjo pure ‘a morte e ‘a piglio a risa…
Io só’ cuntento meglio ‘e nu signore
pecché tengo una faccia e una cammisa…

E quanno metto ‘a lengua ‘into ppulito,
che ne facite ‘a lengua ‘e nu paglietta!?
Embé, quanto stimate ‘a palla ‘e vrito,
chi vò’ stá buono, ha da sapé ‘a ricetta!

Si ll’ommo tutte cchiacchiere
vulesse sentí dicere,
quanta fasule e cícere
se mettarría a scartá!

E si tenite ‘a freve,
lassáte stá ‘o cchinino…
Addó’ sta ‘o mmeglio vino,
‘o gghiate a pigliá llá!

Ce steva nu scarparo puveriello,
chiagneva sempe ca purtava ‘a croce…
‘A sciorte lle scassaje ‘o bancariello
e pe’ se lamentá…perdette ‘a voce!

Quann’ è ‘a staggione, vaco ascianno sulo
na bona fritta ‘e puparuole forte…
Nu piezze pane, ‘nziem’a nu cetrulo,
e ‘o riesto, ‘o vvotto dint
a capa ‘e morte!

Che tengo ‘e figlie o aggia penzá ô pesone?
I’ faccio ogne arte e ghièsco p
a campata!
Si è pa lucanna, sott’a nu bancone,
se dorme frisco e puó’ passá ‘a nuttata…

Riguardo ô ttaffiatorio,
mm
a scorcio bona ‘a máneca
e addó’ se vénne ‘agliáneca,
truvate sempe a me!

Menammo tutto a buordo
fintanto ca se campa:
Dimane, forze, ‘a lampa
se putarría stutá…

Che brutta cosa ch’è a tirá ‘a carretta
quanno nisciuna mano vótta ‘a rota!
Nun sèntere cunziglie, nun dá retta,
ca senza ll’uoglio chella nun avota!

Pe’ spartere aggio avuto quacche botta
ma nun mme sóngo miso maje paura!
na vota, ‘int’a n’incendio a Foregrotta,
salvaje, ‘a dinto ffuoco, na criatura…

Quann’i’ só’ muorto, ll’hanna aizá ‘sta crapa!
Nisciuno chiagne, manco po mumento…
Ll’esequie è bello e pronto: ‘ncapa e ‘ncapa
e vaco â sala e Ricanuscimento!

Quann’è fernuta ll’opera,
pezzente o miliunario,
s’ha da calá ‘o sipario
e s’ha da arricettá…

Pe’ chesto, ‘o servo vuosto
Tatonno ‘e Quagliarella,
‘o ccisto ‘int
a garsèlla,
nun so ffa maje mancá…

E quanno ‘o libbro mio sarrá fernuto,
nisciuno diciarrá si è bello o brutto…
Ma, primma ‘e ve dá ll’urdemo saluto,
ne voglio n’atu litro…’e chell’asciutto!

Il testo contenuto in questa pagina è di proprietà dell’autore. WikiTesti è un’enciclopedia musicale con lo scopo di far conoscere a quante più persone possibile il panorama musicale.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here