Tirallà – Canzoni Fiorentine

Testo Della Canzone

Tirallà – Canzoni Fiorentine

Canzoni della Toscana


Caterina Bueno

E la mi’ mamma
per non darmi dote
a quindici anni la mi mise in collegio
e tirallà tirallà-allà

La prima sera che dormivo in cella
sentivo il mio amor che camminava
e tirallà tirallàallà

Scesi le scale per andare a aprillo
la Madre superiora l’era levata
e tirallà tirallàalla-allà

E la mi disse
«Cosa fai levata?
Ti dole la testa oppure – se’ innamorata»
e tirallà tirallàalla-allà

«E non mi dol la testa,
non sono innamorata,
avveo una colomba – la m’è volata»
e tirallà tirallàalla-allà

«E se ll’è volata
lasciala andare al vento:
chiudi la porta e rientra nel convento»
e tirallà tirallàalla-allà

«E se ll’è volata
lasciala pure andare:
le son pene d’amor non po’ tornare»
e tirallà tirallàalla-allà

«E se ll’è volata
lasciala andare a Dio:
le son pene d’amor le sento anch’io»
e tirallà tirallàalla-allà.

E la mi’ mamma per non darmi dote
A quindici anni mi mise in convento
La prima volta che dormivo sola
sentivo lo mio amor dietro le mura
Io lesta corsi per andare a aprire
indietro lor mi fecero tornare
La prima volta che mi confessai
Mi confessai da un predicatore
La prima cosa che mi domandasse
Mi domando se facevo all’amore
E io li dissi «Padre benedetto
L’amore si lo fo con un giovanetto»
E lui mi disse «Figlia disgraziata
lascia l’amore o morirai dannata»
E io li dissi…
E lui mi disse «Figlia
son pene e pene che soffrono gli altri»

 

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here