Trompe-l’œil – Ghemon Testo della canzone

Wikitesti.com è la più grande enciclopedia musicale italiana, sul nostro sito oltre i testi delle canzoni potete trovare: traduzioni delle canzoni, accordi per chitarra, spartiti musicali e molto altro.

Il Testo della canzone di:
Trompe-l'œil – Ghemon

Stavo in disparte in modo che nessuno mi notasse
ma nascondevo il savoir faire di un gallerista d’arte
giocavo nervosamente coi lacci delle scarpe
prima che il mio collo si allungasse come le giraffe
con i blue jeans e con la polo in avorio
aspettando di tirare fuori un colpo da repertorio
sei entrata nel mio territorio ed hai sfidato il mio sguardo
con la faccia da poker di una giocatrice d’azzardo
al primo bacio in macchina il mio petto è stato
come invaso da un vento caldo ma in meno di un anno si passa dalla gioia di un orgasmo
ai danno di un infarto al miocardio
che colpo per me

Tu mi hai ingannato gli occhi come un trompe-l’œil
non ti sei fatta scrupoli nei miei riguardi
mi chiedo mentre fisso questi muri bianchi
com’è che sia potuto capitarmi
tu mi hai ingannato gli occhi come un trompe-l’œil
non ti sei fatta scrupoli nei miei riguardi
lo sai che ti direi se fossi qui davanti?
fanculo adesso è tardi per scusarti

Mi sforzo di scusare i tuoi peccati
si sono rivelati inefficaci
e adesso ti odio
perchè lo so che l’odio è gratis
prima o poi il bene lo paghi
e l’indifferenza è da privilegiati
una davanti a me sembrava un quadro di Cezanne la musa ispiratrice al centro di un tableau vivant
un’Afrodite da contemplazione all’Hermitage
finita sulle mensole nascoste di un garage

Tu mi hai ingannato gli occhi come un trompe-l’œil
non ti sei fatta scrupoli nei miei riguardi
mi chiedo mentre fisso questi muri bianchi
com’è che sia potuto capitarmi
tu mi hai ingannato gli occhi come un trompe-l’œil
non ti sei fatta scrupoli nei miei riguardi
lo sai che ti direi se fossi qui davanti?
fanculo adesso è tardi per scusarti

Ehi ciao come stai?
che fai?
io niente ti stavo pensando
ma senti ti andrebbe di beccarci oggi?
magri vero le 7, possiamo fare anche da me se vuoi
fammi sapere
baci, baci, ciao

Camminavo su una nuvola quando stavamo insieme
ma dopo un volo tremendo
adesso qui sul cemento c’è disegnata la mia sagoma
nuda sembravi come un quadro di Toulouse-Lautrec
un’opera da esporre al Louvre nel petit ballet
una corsa a perdifiato tra i vicoli del Marais
qui ti sei divertita a prenderti gioco di me

Tu mi hai ingannato gli occhi come un trompe-l’œil
non ti sei fatta scrupoli nei miei riguardi
mi chiedo mentre fisso questi muri bianchi
com’è che sia potuto capitarmi
tu mi hai ingannato gli occhi come un trompe-l’œil
non ti sei fatta scrupoli nei miei riguardi
lo sai che ti direi se fossi qui davanti?
fanculo adesso è tardi per scusarti

Ecco una serie di risorse utili per Ghemon in costante aggiornamento

Pubblica i tuoi Testi!
Contattaci: [email protected]

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *