Un figlio dei fiori non pensa al domani

The music band Nomadi on a terrace. From left, Umberto Maggi, Augusto Daolio, Beppe Carletti, Paolo Lancellotti, Chris Dennis. Asiago (VI), Italy, 1974.

Album

È contenuto nei seguenti album:

1968 I Nomadi
1973 Cantano Guccini

Testo Della Canzone

Un figlio dei fiori non pensa al domani di Nomadi

Amico che
(Death of a clown)
(D. Davies – Guccini)

cerchi il tuo paradiso

l’inferno lo vivi quando hai la paura

la benda che porti tu stesso hai voluto

la crei da solo pensando al tuo futuro.

L’inferno, la benda hanno nome domani,

il tuo paradiso forse hai nelle mani

ma tu non lo sai perché pensi al domani,

ma tu non lo sai perché pensi al domani.

Amico non chiedere qual è il tuo destino

un fiore avvizzisce se pensa all’autunno

i fiori che hai dentro non farli morire,

ma lascia che s’aprano ai raggi del sole.

Il sole avvizzisce se pensi al domani,

il tuo paradiso forse hai nelle mani.

Un figlio dei fiori non pensa al domani.

Un figlio dei fiori non pensa al domani.

Il testo contenuto in questa pagina è di proprietà dell’autore. WikiTesti è un’enciclopedia musicale con lo scopo di far conoscere a quante più persone possibile il panorama musicale.

[nextpage title=”Accordi per chitarra”]

Accordi

   
Un figlio dei fiori non pensa al domani - I Nomadi

Trascrizione: Lucio Bianchi <luciobianchi@inwind.it>


G
C                    G
Amico che cerchi il tuo paradiso
     F                    C       G
l'inferno lo vivi quando hai la paura
C                       G
la benda che porti tu stesso hai voluto
     F              C              G
la crei da solo pensando al tuo futuro
F     Dm    Bb       D#
la la la la la la la la

F                         C       G
l'inferno la benda hanno nome: domani
C                      G
il tuo paradiso forse hai nelle mani
    F                    C          G
ma tu non lo sai perché pensi al domani
F     Dm    Bb       D#
la la la la la la la la

F                        C          G
ma tu non lo sai perché pensi al domani

amico non chiedere qual è il tuo destino
un fiore avvizzisce se pensa all'autunno
i fiori che hai dentro non farli morire
ma lascia che s'aprano ai raggi del sole
la la la la la la la la

il sole svanisce se pensi al domani
il tuo paradiso forse hai nelle mani
un figlio dei fiori non pensa al domani
la la la la la la la la

un figlio dei fiori non pensa al domani

vocalizzo come strofa



LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here