Un matto

Album

È contenuto nei seguenti album:
1971 Non al denaro non all’amore nè al cielo

Testo Della Canzone

Un matto di Fabrizio De Andrè

2005 – Morgan 2005 Non al denaro, non all’amore, nè al cielo

(Dietro Ogni Scemo C’è Un Villaggio)

Tu prova ad avere un mondo nel cuore
e non riesci ad esprimerlo con le parole,
e la luce del giorno si divide la piazza
tra un villaggio che ride e te, lo scemo, che passa,
e neppure la notte ti lascia da solo:
gli altri sognan se stessi e tu sogni di loro

E sì, anche tu andresti a cercare
le parole sicure per farti ascoltare:
per stupire mezz’ora basta un libro di storia,
io cercai di imparare la Treccani a memoria,
e dopo maiale, Majakowsky, malfatto,
continuarono gli altri fino a leggermi matto.

E senza sapere a chi dovessi la vita
in un manicomio io l’ho restituita:
qui sulla collina dormo malvolentieri
eppure c’è luce ormai nei miei pensieri,
qui nella penombra ora invento parole
ma rimpiango una luce, la luce del sole.

Le mie ossa regalano ancora alla vita:
le regalano ancora erba fiorita.
Ma la vita è rimasta nelle voci in sordina
di chi ha perso lo scemo e lo piange in collina;
di chi ancora bisbiglia con la stessa ironia
“Una morte pietosa lo strappò alla pazzia”.

Il testo contenuto in questa pagina è di proprietà dell’autore. WikiTesti è un’enciclopedia musicale con lo scopo di far conoscere a quante più persone possibile il panorama musicale.

Accordi

 
D A E A D A E A
   A                 D         A
Tu prova ad avere un mondo nel cuore
      D          A         B7       E
e non riesci ad esprimerlo con le parole
     D                    E        A
e la luce del giorno si divide la piazza
          D          A             E          A
tra un villaggio che ride e te, lo scemo, che passa
     D                E         A
e neppure la notte ti lascia da solo:
          D         A           E        A
gli altri sognan se stessi e tu sogni di loro.
D A E A D A E A

E sì, anche tu andresti a cercare
le parole sicure per farti ascoltare:
per stupire mezz'ora basta un libro di storia,
io cercai d'imparare la Treccani a memoria,
e dopo maiale, Majakowsky e malfatto
continuarono gli altri, fino a leggermi matto.

  Bb                   Eb       Bb
E senza sapere a chi dovessi la vita,
   Eb     Bb       C7          F
in un manicomio io l'ho restituita:
    Eb                  F        Bb
qui sulla collina dormo malvolentieri,
  Eb       Bb             F       Bb
eppure c'è luce ormai nei miei pensieri,
    Eb                   F       Bb
qui nella penombra ora invento parole,
      Eb         Bb       F        Bb
ma rimpiango una luce, la luce del sole.
Eb Bb F Bb Eb Bb F Bb

Le mie ossa regalano ancora alla vita,
le regalano ancora erba fiorita.
Ma la vita è rimasta nelle voci in sordina
di chi ha perso lo scemo e lo piange in collina;
di chi ancora bisbiglia con la stessa ironia:
"una morte pietosa lo strappò alla pazzia".

Social

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here