Una catena d’oro

Introduzione

Indice

Album

È contenuto nei seguenti album:

Testo Della Canzone

Una catena d'oro di Peppino Di Capri

(DepsaMimmo Di FranciaGiuseppe Faiella)
Un disco per l’estate 1972 (semifinalista)

Quando son nato io mio padre fu contento

poi ringraziando il Dio gli disse verrà il tempo

che questo dono tuo mi riempirà d’orgoglio

diventerà famoso il nome di mio figlio

e gli disse mia madre ti ringrazio Signore

ti giuro che mio figlio non sarà un peccatore

e mi portò alla fonte per farmi battezzare

la mia anima già allora si doveva salvare

e mi misero al collo una catena d’oro

per reggere l’immagine di quell’amico loro

che di lassù guardava certo con gran dolore

i miei come crescevano un figlio peccatore.

Poi mi crebbe la barba e la voglia di amare

poi pian piano mi crebbe la voglia di scappare

e una sera d’estate fu tutto in un momento

mi trovai già lontano trascinato dal vento…

E mi trascino ancora come un cane randagio

che vive la sua vita senza averne il coraggio

e un corpo senza un’anima trascino tra la gente

e vivere o morire oramai mi è indifferente…

Ed ho venduto tutto persino la mia vita

me la sono giocata e ho perso la partita

ed ho venduto pure una catena d’oro

per soli quattro soldi ho perduto un tesoro.

Ed ho venduto tutto persino la mia vita

me la sono giocata e ho perso la partita

ed ho venduto pure una catena d’oro

per soli quattro soldi ho perduto un tesoro.

Il testo contenuto in questa pagina è di proprietà dell’autore. WikiTesti è un’enciclopedia musicale con lo scopo di far conoscere a quante più persone possibile il panorama musicale.



LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here