Vayass… rap

Album

È contenuto nei seguenti album:

Testo Della Canzone

Vayass… rap di Federico Salvatore

A: Signora Scogliamiglio, stamattina vostro figlio il più piccolo Giovanni mi ha sporcato tutti i panni, mio marito l’ha strillato ma il bambino è scostumato non mi sente non m’ascolta e non è la prima volta. E vi dico onestamente, anzi proprio chiaramente, senza il minimo imbarazzo: sto vaglione a rutt o cazz e si o trovo nat’vota ca pazzea sott o balcone io te facc ascì ra cuorp l’uva, l’acino e o strippone.
Perchè chisto figlio e ndrocchia, ca conoscia già a cazzimma, me l’ha fatt sott a l’uocch i che stuppolo sfaccimma e si no o mittit a posta a stu cantere merduso parlo co’ marito vuost ch’è nu chiavico rattus.
Ca me ncontr miezz e scale e me guard semp e coscie chillu piechere rinale cu na facc a culo e pesce. E mo ca me so sfugata, pozz appennere o capiell, perchè essendo altologata non mi abbasso al tuo livello…

B: Ne signora altologata, tu accussì t’è presentata, stamattina s’è capit tiene a lengua ‘nto pulito. Me pe me che so vayass non mi abbasso a stu cunciett e siccom vac e press, te rispong’ a cul apiert. Granda locena sfunnata, piezz e tofa nchiavecata, stammattina s’è ntufata chesta loffa ‘mbalsamata. T’aggia fa e chesta manera, scinn cà stronza scarfata, provasona, jettachera ca te sguarr sbrummecata.

A: Stu panaro case e ove chesta uallera pernacchia, sta ladrina e strada nova ma t’è vist rint o specchio ? Waio e nott puntunera culo a form e nzalatera, te mettess pe scuppet, pe botton ra vracetta.
Ma te visto cosa brutta, masculone senza zizze stu scupill e cess asciutt se ne vene a sgizz a sgizz. E chi si storta ruffiana lebbracosa arrecanata, i te taglio e cannarini e te scos panz e rine.

B: We zozzosa carcagnosa, puzzolosa chiene e scorza, sta nguacchiata ntummecosa mo me mangio a panza a muorz.

A: A chi te mangia a muorz zuccolona culumbrina, si t’afferro oi ‘ni te ‘ndorz arretirete mappina.

B: O pasciappa, pisciaturo rota e sciumm, puzzasciato.

A: Viene a ca zella scugnata ca te ngaso rint’ o muro.

B: Cularotta perocchiosa granda pereta lummera a confronte e te è na rosa.. na cagata e l’autrieri.

A: We nzivosa lumagiorna e che fai a fa a nfuchera jiett a faccia rint o scuorn, vat jiett buttunera.

B: Buttunera a me, vavosa, tu si a primma vasciajola. T’aggia fa spogn e pertosa, viene sott cessajola. Zucasangua a tradimento, t’è venuto o sbrinamient, che vuliv siv e nzogna arreparat a chest’ogne

Scippe, ?!?, buffettuno, struscinate cazzettuno murze pizzichi capate capucchiate e paccariate !

Troppo stretto napoletano mi dispiace non riesco a scrivere tutto. Il Segno ?!? vuoldire che nn sapevo. Sorry.

Il testo contenuto in questa pagina è di proprietà dell’autore. WikiTesti è un’enciclopedia musicale con lo scopo di far conoscere a quante più persone possibile il panorama musicale.

2 COMMENTI

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here