Via Margutta

Introduzione

Indice

Album

È contenuto nei seguenti album:

1987 Come dentro un film
1993 Vivo
2001 Viaggio di ritorno

Testo Della Canzone

Via Margutta di Festival di Sanremo 1986

(Luca Barbarossa)
Luca Barbarossa

Sta cadendo la notte
sopra i tetti di Roma
tra un gatto che ride e un altro che
di fare l’amore.
Sta cadendo la notte
senza fare rumore
sta passando una stella
sui cortili di Roma
e un telefono squilla
nessuno risponde
a una radio che parla
è vicina la notte
sembra di accarezzarla.
Amore vedessi
com’è bello il cielo
a via Margutta questa sera
a guardarlo adesso
non sembra vero che sia lo stesso cielo
dei bombardamenti, dei pittori,
dei giovani poeti e dei loro amori
consumati di nascosto
in un caffè.
Amore vedessi
com’è bello il cielo
a via Margutta insieme a te
a guardarlo adesso
non sembra vero che sia lo stesso cielo
che ci ha visto soffrire
che ci ha visto partire
che ci ha visto.
Scende piano la notte
sui ricordi di Roma
c’è una donna che parte
e un uomo che corre
forse vuole fermarla
si suicida la notte
non so come salvarla.
Amore vedessi
com’è bello il cielo
a via Margutta questa sera
a guardarlo adesso
non sembra vero che sia lo stesso cielo
dell’oscuramento e dei timori
dei giovani semiti e dei loro amori
consumati di nascosto in un caffè.
Amore sapessi com’era il cielo
a Roma qualche tempo fa
a guardarlo adesso
non sembra vero che sia lo stesso cielo
la stessa città
che ci guarda partire volerci bene
che ci guarda lontani
e poi di nuovo insieme
prigionieri di questo cielo
di questa città
che ci ha visto soffrire
che ci ha visto partire
che ci ha visto.
Si suicida la notte
non so come salvarla.

Il testo contenuto in questa pagina è di proprietà dell’autore. WikiTesti è un’enciclopedia musicale con lo scopo di far conoscere a quante più persone possibile il panorama musicale.



LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here