Villa Borghese

Architect looking at blueprints in a building site

Album

È contenuto nei seguenti album:

1997 Anima mia
1999 Sarà
2002 Una storia infinita

Testo Della Canzone

Villa Borghese di Cugini Di Campagna

(Ivano MichettiSilvano Michetti – M. Zambardi)
Nick Luciani

Ancora me ricordo quanno da bambino
avevo er moccolo sur naso
pè corpa de quell’acqua che
pè ritrovacce i sordi annavo giù de muso.
Nella fontana de quer Trevi là
che se inventò stà storia pè campà:
chi nell’acqua getta, magari ‘na piotta, ritornerà.

Cor tempo sò cresciuto
e invece de pescà li sordi, annavo pè pischelle
e se ripenso a una de queste
sento er core che ancora me ribbolle.
In mezzo a quer giardino, che ‘n se sà?
Ma chi è romano, questo lo sà già.
Via Veneto sali e ‘n cima te trovi, st’immensità!

Villa Borghese…
quant’innamorati sotto quei lampioni; quante strette ar core.
Villa Borghese…
su quel letto d’erba, ancora senza barba, chi ‘tte scorda più!
Villa Borghese…
quelle pomiciate, sopra le panchine, senza prenne fiato.
Villa Borghese…
quarche vorta a scola se faceva sega, pè venì da te.

E adesso quanta nostargia
me graffia drent’ar petto, a vedè stà ‘monnezza.
Io ce venivo coll’amici
e invece tu, co ‘na siringa che t’ammazza.
Pischello, quella robba lascia stà
pure tu padre ce veniva qua;
ma pè fà ‘llamore insieme a tu madre, alla tu’età.

Il testo contenuto in questa pagina è di proprietà dell’autore. WikiTesti è un’enciclopedia musicale con lo scopo di far conoscere a quante più persone possibile il panorama musicale.



LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here