Canto dei Sanfedisti


Album

È contenuto nei seguenti album:

Testo Della Canzone

Canto dei Sanfedisti di Canzoni Napoletane

Testo Tradizionale 1800; musica R. de Simone
Peppe Barra

A lu suono de grancascia
viva lu popolo bascio;
a lu suono ‘e tammurriello
sò risurte li puverielli;
a lu suono de campana
viva viva li pupulane;
a lu sono de viuline
morte alli giacubine!

Sona sona
Sona ‘a Carmagnola,
sonan li cunsiglie:
viva ‘o Rre cu la famiglia!

Li Francise so’ arrivate,
‘nce hanno bbuono carusate;
“et voilè, et voilè”,
cavece ‘nculo a la libertà!
So’venute li Francise
auti tasse ‘nce hanno mise.
“Libertà, ègalità”…
tu arruobbe a mme, io arrobbo a tte!

Sona sona…

A Sant’Eremo tanta forte
l’hanno fatto comm’a ricotta,
a stu curnuto sbrevugnato
l’hanno miso ‘a mitria ‘n capa.
Maistà, chi t’ha traduto?
Chistu stommaco chi ha avuto?
‘E signure, ‘e cavaliere
te vulevano priggiuniere!

Sona sona…

Alli tridece de giugno,
Sant’Antonio gluriuso,
‘e signure, ‘sti birbante,
‘e ffacettero ‘o mazzo tanto!
Viva Tata Maccarone
ca rispetta la Religgione.
Giacubine jate a mare,
ca v’abbrucia lu panaro!

Sona sona…

Il testo contenuto in questa pagina è di proprietà dell’autore. WikiTesti è un’enciclopedia musicale con lo scopo di far conoscere a quante più persone possibile il panorama musicale.

Social

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here