El portoloto


Album

È contenuto nei seguenti album:

Testo Della Canzone

El portoloto di Canzoni popolari

El Portoloto (il portolotto)

Canzone popolare anconetana
(parole di Duilio Scandali e musica di Marcello Marini)

Semo del porto, no’ e ce n’arfacemo

el portoloto è el più aribusto e belo.

Quando passamo no’ semo o non semo

c’avè da face tanto de capello.

Cusa c’è? Viceneve un po’ un pogheto!

Nun ve gusta? Zan! Mosco! e giò quel deto.

C’avemo certe fiole giò pel porto tonde e lisce,

ch’i giuvinoti pasane, le guarda e se slanguisce.

C’avemo certe fiole giò pel porto tonde e lisce,

ch’i giuvinoti pasane, le guarda e se slanguisce.

E po’ ala festa pasegiane a braceto,

tute infiucate, coi rechini dori.

No’ le smiciamo e daje a faje l’ochieto,

e quele a ride, a ride in tra de lori.

C’avemo certe fiole giò pel porto tonde e lisce,

ch’i giuvinoti pasane, le guarda e se slanguisce.

C’avemo certe fiole giò pel porto tonde e lisce,

ch’i giuvinoti pasane, le guarda e se slanguisce.

El peduchioso giò al porto nun ce taca,

nun li volemo no’ cuscì amazati,

o j damo qualche maledeta claca,

che l’armandamo ‘ntel cantò strunati.

C’avemo certe fiole giò pel porto tonde e lisce,

ch’i giuvinoti pasane, le guarda e se slanguisce.

C’avemo certe fiole giò pel porto tonde e lisce,

ch’i giuvinoti pasane, le guarda e se slanguisce.

Il testo contenuto in questa pagina è di proprietà dell’autore. WikiTesti è un’enciclopedia musicale con lo scopo di far conoscere a quante più persone possibile il panorama musicale.

Social

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here