Fila la lana


Album

È contenuto nei seguenti album:
1966 Tutto Fabrizio De Andrè

Testo Della Canzone

Fila la lana di Fabrizio De Andrè

Nella guerra di Valois
il Signor di Vly è morto,
se sia stato un prode eroe
non si sa, non è ancor certo.

Ma la dama abbandonata
lamentando la sua morte
per mill’anni e forse ancora
piangerà la triste sorte.

Fila la lana, fila i tuoi giorni
illuditi ancora che lui ritorni,
libro di dolci sogni d’amore
apri le pagine al suo dolore.

Son tornati a cento e a mille
i guerrieri di Valois,
son tornati alle famiglie,
ai palazzi alle città.

Ma la dama abbandonata
non ritroverà il suo amore
e il gran ceppo nel camino
non varrà a scaldarle il cuore.

Fila la lana, fila i tuoi giorni
illuditi ancora che lui ritorni,
libro di dolci sogni d’amore
apri le pagine al suo dolore.

Cavalieri che in battaglia
ignorate la paura
stretta sia la vostra maglia,
ben temprata l’armatura.

Al nemico che vi assalta
siate presti a dar risposta
perché dietro a quelle mura
vi s’attende senza sosta.

Fila la lana, fila i tuoi giorni
illuditi ancora che lui ritorni,
libro di dolci sogni d’amore
chiudi le pagine sul suo dolore.

Il testo contenuto in questa pagina è di proprietà dell’autore. WikiTesti è un’enciclopedia musicale con lo scopo di far conoscere a quante più persone possibile il panorama musicale.

Accordi

LA- RE LA- MI


                   LA-
Nella guerra di Valois il signor di Vly(?) è morto
         DO      SOL(7) DO        MI              LA-
se sia stato un prode eroe non si sa non è ancor certo
       RE                    MI            LA-
ma la dama abbandonata lamentando la sua morte
        RE                          MI           LA-
per mill'anni e forse ancora piangerà la triste sorte


Rit.

LA-           MI           LA-
Fila la lana fila i tuoi giorni
   SOL(7)   DO    SOL(7)   DO
illuditi ancora che lui ritorni
RE-       LA-   RE-      LA-
libro di dolci sogni d'amore
RE-      LA-   MI        LA-
apri le pagine al suo dolore


Son tornati a cento e a mille i guerrieri di Valois
son tornati alle famiglie ai palazzi alle città
ma la dama abbandonata non ritroverà il suo amore
e il gran ceppo del camino non varrà a scaldarle il cuore

Rit.

Cavalieri che in battaglia ignorate la paura
stretta sia la vostra maglia ben temprata l'armatura
al nemico che vi assalta siate presti a dar risposta 
perché dietro a quelle mura vi si attende senza sosta

LA-           MI           LA-
Fila la lana fila i tuoi giorni
   SOL(7)   DO    SOL(7)   DO
illuditi ancora che lui ritorni
RE-       LA-   RE-      LA-
libro di dolci sogni d'amore
RE-       LA-     MI        LA  SOL LA
chiudi le pagine sul suo dolore

Social

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here