La mia città  – Luca Carboni

Album

È contenuto nei seguenti album:

1992 Carboni
2003 Live (Disc 1)

Testo Della Canzone

La mia città – Luca Carboni di Luca Carboni

La mia città, senza pietà, la mia città
ma come è dolce certe sere
a volte no, senza pietà
mi chiude in una stanza
mi fa sentire solo
Una città, senza pietà, la mia città
non la conosco mai fino in fondo
troppi portoni, troppi cassetti
io non ti trovo mai
tu dimmi dove sei

Adesso dove si va, cosa si fa, dove si va
siamo sempre dentro a qualcosa
un’auto che va o dentro un tram
senza mai vedere il cielo
e respirando smog…

ma guarda là, che cazzo fa, ma pensa te
ma come guida quel deficiente
poi guarda qua, che ora e’ già
ma chi ti ha dato la patente
che ti scoppiasse un dente
a te….

siamo sempre di corsa
sempre in agitazione
anche te…
che anche se lecchi il gelato
hai lo sguardo incazzato

La mia città, senza pietà, la mia città
ma come è bella la mattina
quando si accende, quando si sveglia
e ricominciano i rumori
promette tante cose

Ma dimmi dove sarà, prima era qua
c’è un nero che chiede aiuto
dove sarà questa città
E’ sparita senza pietà
c’ha troppi muri la mia città

Ma guarda che civiltà la mia città
con mille sbarre alle finestre
guardie giurate, porte blindate
e un miliardo di antifurti
che stanno sempre a suonare

Perché…
c’è chi ha troppo di meno
e chi non si accontenta
e c’è…
chi si deve bucare
in un angolo di dolore
e c’è…
che c’è bisogno di tutto
c’è bisogno di un trucco

Senza pietà, la mia città
“Signora guardi che belle case
però a lei no, non gliela do
mi dispiace signora mia
è tutto uso foresteria”

La mia città, senza pietà, una città
ti dice che non è vero
che non c’è più la povertà
perché è tutta coperta
dalla pubblicità

C’è chi a lavorare
è obbligato a imbrogliare
e c’è…
chi per poterti fregare
ha imparato a studiare
E c’è…
che c’è bisogno di un trucco
c’è bisogno di tutto
e c’è…
bisogno di più amore
dentro a questa prigione.

Il testo contenuto in questa pagina è di proprietà dell’autore. WikiTesti è un’enciclopedia musicale con lo scopo di far conoscere a quante più persone possibile il panorama musicale.

Accordi

   
La mia citta' senza pieta' la mia citta'
Fam                 Reb                Lab
ma com'e' dolce certe sere
          Mib           Fam
ma a volte no senza pieta'
            Reb
mi chiude in una stanza e mi fa sentire solo.
Sibm             Mib

Una citta' senza pieta' la mia citta'
non la conosco mai fino in fondo
troppi portoni troppi cassetti
io non ti trovo mai dimmi dove sei

adesso dove si va come si fa dove si va
siamo sempre dentro a qualcosa
l'auto che va o dentro al tram
senza mai vedere il cielo e respirando smog ma ma ma

ma guarda la' che cazzo fa ma pensa te
ma come guida quel deficiente
poi guarda qua che ora e' gia'
ma chi ti ha dato la patente
che ti scoppiasse un dente a te
                             Fa

Siamo sempre di corsa sempre in agitazione
Fa7+             Sib7+                 Do7/4
anche te
        Lab
che anche se lecchi il gelato c'hai lo sguardo incazzato
Lab7+                     Reb7+                     Mib7/4

La mia citta' senza pieta' la mia citta'
ma com'e' bella la mattina
quando si accende quando si sveglia
e ricominciano i rumori promette tante cose

ma dimmi dove sara' prima era qua
c'e' un nero che chiede aiuto
dove sara' questa citta'
e' sparita senza pieta'
c'ha troppi muri la mia citta'-ta'-ta'

ma guarda che civilta' la mia citta'
con mille sbarre alle finestre
guardie giurate porte blindate
e un miliardo di antifurti che stanno sempre a suonare perche'
                                                            Fa

c'e' chi ha troppi di meno e chi non si accontenta
Fa7+                   Sib7+                   Do7/4
e c'e'
   Lab
chi si deve bucare in un angolo di dolore
Lab7+            Reb7+                Mib7/4
e c'e'
Si
che c'e' bisogno di tutto c'e' bisogno di un trucco.
Si7+                  Mi7+                      Fa#7/4

Senza pieta' la mia citta'
signora guardi che belle case
pero' a lei no non gliela do
mi dispiace signora mia
e' tutto uso foresteria-ia-ia-ia-ia.

La mia citta' senza pieta' la mia citta'
ti dice che non e' vero
che non c'e' piu' la poverta'
perche' e' tutta coperta'
dalla pubblicita'-ta'-ta'-ta'-ta'-ta'-ta'-ia
                                          Fa

c'e' che a lavorare e' obbligato a imbrogliare
Fa7+            Sib7+                      Do7/4
e c'e'
   Lab
chi per poterti fregare a imparato a studiare
Lab7+            Reb7+                Mib7/4
e c'e'
Si
che c'e' bisogno di un trucco c'e' bisogno di tutto
Si7+                  Mi7+                      Fa#7/4
e c'e'
Re
bisogno di piu' amore dentro questa prigione.
Re7+               Sol7+                  La7/4

Fam  Reb  Lab  Mib  Fam  Reb  Sibm

Social

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here