Passa la ronda


Testo Della Canzone

Passa la ronda di Canzoni politiche

Anno 1944

Appena giunti sul Monte Grappa,
là si sentivano le cannonate.
I nostri alpini son lì che battono
battaglione per battaglion.

Passa la ronda dei veci alpin:
e la risponde “fiaschi de vin”!

Nella notte nera nera,
soffia il vento e la bufera!
soffia il vento e la bufera:
passa la ronda a vigilar
passa la ronda a vigilar.

Piano, piano, mio bell’alpino:
devi usare precauzione.
scendi abbasso nel burrone
che il nemico sta ad aspettar.

Spettiam, cantiam da baldi alpini,
un sol grido, un sol pensier:
prendi la mia borraccia, bevi nel mio bicchiere
insieme dobbiamo bere, insieme dobbiam morir!

Soffrir, morir, dovete voi nemici!
questa è l’ultima vostra ora:
dalle man dei veci alpini è difficile scappar!
dalle man dei veci alpini è difficile scappar!
è difficile scappar!

==================
Passa la ronda
del partigiano
l’eco risponde
con bombe a mano.

Nella notte nera nera
urla il vento e la bufera…
urla il vento e la bufera.

Va’ piano piano, o partigiano,
scendi a valle con precauzione,
scendi a valle dal burrone
ché i fascisti sono ad aspettar.

Andiam partigian
siam partigiani
un sorriso
un sol pensiero.
Prendi la mia borraccia
bevi nel mio bicchiere
se voi volete bere
se voi volete bere.
Prendi la mia borraccia
bevi nel mio bicchiere
se voi volete bere
dovete voi morir.

Morir soffrir
dovete voi fascisti
questa è l’ultima vostra ora
dalle man del partigian
è difficile scappar.
Dalle man del partigian
è difficile scappar.

Il testo contenuto in questa pagina è di proprietà dell’autore. WikiTesti è un’enciclopedia musicale con lo scopo di far conoscere a quante più persone possibile il panorama musicale.

Social

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here