28 Giugno

Album

È contenuto nei seguenti album:

Testo Della Canzone

28 Giugno di Mauro Nardi

con Antonio Ottaiano

Ventotto giugno
mentre nasce ò sole
tremanno
stò scrivenno sti parole
pe fà sapè
a n’amico cà stà fore
cà n’ziemo a sore
a n’anno faccio ammore
Si stà guaglione
già nun tene o pate
e giusto cà sti cosi
e sape o frate..

Nà lettera
è arrivata st’ammatin
nun me la scritta
a solita perzona
leggenno sulo
e primme roi parole
e all’ improvviso
se gelato o core
io a sorema
a verevo
nà creatura
e invece a n’anno
già faceva ammore..

Io me permetto già
e scrivere accussì
ca ma voglio spusà
e nun te preoccupà
cà a napule ci stà
chi niente a fà mancà
tò giuro cà maria
rinta a stà vita
è addiventata
già mugliereme
st’ammo aspettanno
a te
pe ci spusà
rinta a na chiesa
n’copp o vommer


nun o vulesse fà
ma sti parole già
so tutte n’fuse e lacrime
e senza masciuttà
penzanno e riturnà
continuo ancora a leggere
chisà si chiagne
pure rinta a chiesa
quanno veco
cà si sposano

vulesse cà
stà lettera dimane
ti facesse turnà cà

Sti cose scritte
a nu cumpagno e napule
cu l’uocchi n’fuse
torna ancora a leggere

forse pecchè
ti fanno turnà a credere
cà miezz o male u bene
ce pò stà
io me permetto già
e scrivere accussì
ca ma voglio spusà
e nun te preoccupà
ca a napule ci stà
chi niente a fa mancà
tò giuro ca maria
rinta a stà vita
è addiventata
gia’ mugliereme..
st’ammo aspettanno a te
pe ce spusà
rint a na chiesa
n’copp o vommere


nun o vulesse fà
ma sti parole già
so tutte n’fose e lacrime
e senza a masciuttà
pensanno e riturnà
continuo ancora a leggere
chissà si chiagne
pure rinta a chiesa
quanno veco
ca si sposano

Vulesse cà
stà lettera dimane
ti facesse turnà cà.

– Parlato –
io ti ringrazio assai
pe sti parole
ca me scritto
nun me mancavo
quasi niente ra vita
se ralizzato
ho suonno ca desideravo
e’ purta a soreme
n’coppa all’altare
dimane piglio l’aereo
e torno a napule

Il testo contenuto in questa pagina è di proprietà dell’autore. WikiTesti è un’enciclopedia musicale con lo scopo di far conoscere a quante più persone possibile il panorama musicale.

[nextpage title=”Accordi per chitarra”]

Accordi

   
 
      D6

Em7

          F#
Syncro Mimmo 64
F#7
Bm F# Bm7
      Ventotto giugno 
       Em7         F#
mentre nasce ò sole
tremanno 
           Bm7
stò scrivenno sti parole
pe fà sapè 
     Em7
a n'amico cà stà fore
F#
cà n'ziemo a sore 
      Bm7
a n'anno faccio ammore
B7
Si stà guaglione 
          Em7
già nun tene o pate
  G
e giusto cà sti cosi 
       F#
e sape o frate..

C#m
Nà lettera 
        F#m
è arrivata st'ammatin
    G#
nun me la scritta 
            C#m
a solita perzona
leggenno sulo 
               F#m
e primme roi parole
  G#
e all' improvviso 
            C#m
se gelato o core
     C#
io a sorema 
a verevo 
         F#m
nà creatura
    A
e invece a n'anno 
               G#
già faceva ammore..

A# D#m
   Io me permetto già 
e scrivere accussì
ca ma voglio spusà
G#m
e nun te preoccupà 
cà a napule ci stà
chi niente a fà mancà
      A#
tò giuro cà maria 
rinta a stà vita
è addiventata 
    D#m
già mugliereme
     G#m
st'ammo aspettanno 
a te
pe ci spusà 
rinta a na chiesa 
         A#
n'copp o vommer

  Fm
Nò
nun o vulesse fà 
ma sti parole già
so tutte n'fuse e lacrime
  A#m
e senza masciuttà
penzanno e riturnà 
continuo ancora a leggere
   C
chisà si chiagne 
pure rinta a chiesa
quanno veco 
         Fm
cà si sposano

  A#m
vulesse cà 
                  C
stà lettera dimane
ti facesse turnà cà
Fm
Sti cose scritte 
          D#m9
a nu cumpagno e napule
G#m
cu l'uocchi n'fuse 
        A#
torna ancora a leggere
D#m
forse pecchè 
                      G#m
ti fanno turnà a credere
         A#
cà miezz o male u bene 
         D#m
ce pò stà
io me permetto già 
e scrivere accussì
ca ma voglio spusà
  G#m
e nun te preoccupà 
ca a napule ci stà
chi niente a fa mancà
      A#
tò giuro ca maria 
rinta a stà vita
è addiventata 
     D#m
gia' mugliereme..
        G#m
st'ammo aspettanno a te
pe ce spusà 
rint a na chiesa 
         A#
n'copp o vommere

Fm
Nò
nun o vulesse fà 
ma sti parole già
so tutte n'fose e lacrime
  A#m
e senza a masciuttà
pensanno e riturnà 
continuo ancora a leggere
    C
chissà si chiagne 
pure rinta a chiesa
quanno veco 
      Fm
ca si sposano

  A#m
Vulesse cà
              C
stà lettera dimane
                 Fm
ti facesse turnà cà.

- Parlato -
   A#m          C
io ti ringrazio assai 
       Fm
pe sti parole 
ca me scritto
          A#m
nun me mancavo 
                    C
quasi niente ra vita
se ralizzato 
                     Fm
ho suonno ca desideravo
e' purta a soreme  
              Fm9 Fm
n'coppa all'altare
  Fm7         Fm
dimane piglio l'aereo 
              Fm9  A#m7
e torno a napule   
A#m

A#m6 C C7 C Fm

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here