‘A storia mia

Introduzione

Indice

Album

È contenuto nei seguenti album:
1976 ‘A storia mia (o scippo)

Testo Della Canzone

'A storia mia di Nino D’Angelo

“SIGNOR COMMISSARIO, QUESTO RAGAZZO,
HA SCIPPATO LA BORSA DI QUESTA SIGNORA,
E MENTRE TENTAVA DI FUGGIRE TRA LE VIE DEL MERCATO,
L’ABBIAMO CATTURATO, ECCOLA QUA!”

“SIENT, DELINQUENT!”

“No, nun me chiammat ancor delinquent,
Stu nomm, dic sul ‘nfamità.
Sentit, sentit primm tutt ‘a storia mì,
E dopp me putit giudicà…”

Nun apparteng ‘a bibbia d’ò peccat,
Chell ca vuie pensat, nun song io.
Si ‘a bors ‘e sta signor aggi’ scippat
E’ stat pecchè l’aggi’ avuta fà.

Pat nun teng, port ‘o nomm ‘e mam’m
Unico figlio, ten sul ‘a me
Sta malat, hav bisogn ‘e latt e ‘a medicin
Qual figli’ nun se sarria dannat pà sanà.
Nun è stat pè vizio, nun è stat pè luss,
Vulev chiammà ‘o medic staser.
Pè chest aggi’ scippat, brigadier!

Purtatem ‘a sta casa ‘e correzion,
Ma nun telefonat ‘a casa mì,
Sape ca stong ‘a scol, mamma mì
E stu dulor nun c’ho vogli’ dà.

Pat nun teng, port ‘o nomm ‘e mam’m
Unico figlio, ten sul ‘a me
Sta malat, hav bisogn ‘e latt e ‘a medicin
Qual figli’ nun se sarria dannat pà sanà.
Nun è stat pè vizio, nun è stat pè luss,
Vulev chiammà ‘o medic staser.
Pè chest aggi’ scippat, brigadier!

“E mò, e mò ca v’aggi’ ditt ‘a storia mì,
Me putit pur giudicà.
Ma che facit, me lassat ‘e man,
E vuie cara signor, pecchè chiagnit,
Me dat ‘a borz che v’aggi’ scippat
E me ricit: “và, curr ‘a salvà ‘a mammà”

Il testo contenuto in questa pagina è di proprietà dell’autore. WikiTesti è un’enciclopedia musicale con lo scopo di far conoscere a quante più persone possibile il panorama musicale.



LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here