‘A storia mia

Album

È contenuto nei seguenti album:
1976 ‘A storia mia (o scippo)

Testo Della Canzone

'A storia mia di Nino D’Angelo

“SIGNOR COMMISSARIO, QUESTO RAGAZZO,
HA SCIPPATO LA BORSA DI QUESTA SIGNORA,
E MENTRE TENTAVA DI FUGGIRE TRA LE VIE DEL MERCATO,
L’ABBIAMO CATTURATO, ECCOLA QUA!”

“SIENT, DELINQUENT!”

“No, nun me chiammat ancor delinquent,
Stu nomm, dic sul ‘nfamità.
Sentit, sentit primm tutt ‘a storia mì,
E dopp me putit giudicà…”

Nun apparteng ‘a bibbia d’ò peccat,
Chell ca vuie pensat, nun song io.
Si ‘a bors ‘e sta signor aggi’ scippat
E’ stat pecchè l’aggi’ avuta fà.

Pat nun teng, port ‘o nomm ‘e mam’m
Unico figlio, ten sul ‘a me
Sta malat, hav bisogn ‘e latt e ‘a medicin
Qual figli’ nun se sarria dannat pà sanà.
Nun è stat pè vizio, nun è stat pè luss,
Vulev chiammà ‘o medic staser.
Pè chest aggi’ scippat, brigadier!

Purtatem ‘a sta casa ‘e correzion,
Ma nun telefonat ‘a casa mì,
Sape ca stong ‘a scol, mamma mì
E stu dulor nun c’ho vogli’ dà.

Pat nun teng, port ‘o nomm ‘e mam’m
Unico figlio, ten sul ‘a me
Sta malat, hav bisogn ‘e latt e ‘a medicin
Qual figli’ nun se sarria dannat pà sanà.
Nun è stat pè vizio, nun è stat pè luss,
Vulev chiammà ‘o medic staser.
Pè chest aggi’ scippat, brigadier!

“E mò, e mò ca v’aggi’ ditt ‘a storia mì,
Me putit pur giudicà.
Ma che facit, me lassat ‘e man,
E vuie cara signor, pecchè chiagnit,
Me dat ‘a borz che v’aggi’ scippat
E me ricit: “và, curr ‘a salvà ‘a mammà”

Il testo contenuto in questa pagina è di proprietà dell’autore. WikiTesti è un’enciclopedia musicale con lo scopo di far conoscere a quante più persone possibile il panorama musicale.

[nextpage title=”Accordi per chitarra”]

Accordi

   
Am G F E Am E

Am                          Dm
nun appartengo a figli do peccato 

E7                     Am
chelle ca vuie penzate nun song'io 

Dm6                               F
si a borsa e sta signora aggio scippate 

  Dm                      E
e stato pecche l'aggia vuluute a fa 

          Am
padre nun tengo porto o nomme e mammeme 

        C
unico figlio tene sulo a me 

        Dm                         Am
sta malate ave bisogno latte e a merecine  

        Dm       Dm7                     E
quale figlio nun se s'arria dannate pa sana  

               Dm                     Am
nun e stato pe vizio nun e stato pe lusso 


PARALTO
volevo chiamm o piere chesta sera 

Am                            Am   E7
pech'esse aggio scippato brigatier 

Am                          Dm
purtateme a sta casa e correzzione 

E7                  Am
ma nun telefonate a casa mia 

Dm6                         F
sape a song'o a scola mamma mia 

  Dm                     E
e stu dolore nun c'e o voglio da 

            Am
padre nun tengo porto o nomme e mammeme 

        C
unico figlio tene sulo a me 

        Dm                         Am
sta malate ave bisogno latte e a merecine  

        Dm       Dm7                     E
quale figlio nun se s'arria dannate pa sana  

               Dm                     Am
nun e stato pe vizio nun e stato pe lusso 


<PARALTO> volevo chiamm o piere chesta sera 

Am                            Am   G F E Am G F E Am E Am
pech'esse aggio scippato brigatiere

***   



LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here