Agguanta il leone

Album

È contenuto nei seguenti album:

1985 Ci penserà poi il computer

Testo Della Canzone

Agguanta il leone di Nomadi

Agguanta il leone sennò agguanta te,

agguantalo prima che agguanti te.

Quando la testa si confonde

e la paura ti scava dentro il cuore,

quando pensi di esser troppo fuori,

troppo furbo e non senti i sapori,

quando resti indietro e perdi il senso

e ti domandi: “Ma ha cosa penso!?”

Ti arrendi.

Agguanta il leone sennò agguanta te,

agguantalo prima che agguanti te.

Quando la testa si confonde

e qualche cosa ti impedisce di sognare,

quando il lampo schizza e romba il tuono,

il tuo specchi cade e senti il suono,

la tua gioia diventa nera,

la tu calma diventa bufera.

Agguanta il leone sennò agguanta te,

agguantalo prima che agguanti te.

Il giorno va giù la tristezza vien su,

è lontano il mattino di domani

l’orizzonte dei tuoi desideri

si perde in cieli meno veri,

il tuo fiore lo ruba il vento

vorresti avere forza come cento.

Ti arrendi.

Agguanta il leone sennò agguanta te,

agguantalo prima che agguanti te.

Ti occorre qualcosa di speciale,

ma sulla bocca hai solamente sale

e qualcosa ti vieta di sognare

ti occorre qualcosa di anormale,

ma ti manca la forza di andare,

ti manca il coraggio di andare.

Ti arrendi.

Agguanta il leone sennò agguanta te,

agguantalo prima che agguanti te.

Quando la testa si confonde

e la paura ti scava dentro onde,

quando pensi di esser troppo fuori,

troppo furbo e non senti gli odori,

quando resti indietro e perdi il senso

e ti domandi: “Ma ha cosa penso!?”

Ti arrendi.

Agguanta il leone sennò agguanta te,

agguantalo prima che agguanti te.

Il testo contenuto in questa pagina è di proprietà dell’autore. WikiTesti è un’enciclopedia musicale con lo scopo di far conoscere a quante più persone possibile il panorama musicale.



LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here