Canzone per un’amica – Francesco Guccini

Album

È contenuto nei seguenti album:

1968 I NomadiNomadi
1973 Cantano GucciniNomadi
1979 Album concerto (con Guccini)Nomadi
1979 Francesco Guccini & I Nomadi – Album ConcertoFrancesco Guccini
1987 In concerto (vol.1)Nomadi
1984 Fra la via Emilia e il West – Vol. 1Francesco Guccini
1998 Guccini Live Collection – Disc 1Francesco Guccini
2003 Nomadi quaranta (disc 1)Nomadi
2005 Anfiteatro LiveFrancesco Guccini
2007 Nomadi & Omnia Symphony Orchestra (Cd 2)Nomadi
2010 Storia di altre storieFrancesco Guccini

Testo Della Canzone

Canzone per un’amica – Francesco Guccini

(di Francesco Guccini)

Lunga e diritta correva la strada

l’auto veloce correva

la dolce estate era già cominciata

vicino a lui sorrideva

vicino a lui sorrideva.

Forte la mano teneva il volante

forte il motore cantava

non lo sapevi che c’era la morte

quel giorno che ti aspettava

quel giorno che ti aspettava.

Non lo sapevi ma cosa hai provato

quando la strada è impazzita

quando la macchina è uscita di lato

e sopra un’altra è finita

e sopra un’altra è finita.

Non lo sapevi ma cosa hai pensato

quando lo schianto ti ha uccisa

quando anche il cielo di sopra è crollato

quando la vita è fuggita

quando la vita è fuggita.

Vorrei sapere a cosa è servito

vivere, amare, soffrire

spendere tutti i tuoi giorni passati

se così presto hai dovuto morire (partire)

se presto hai dovuto morire (partire).

Voglio però ricordarti com’eri

pensare che ancora vivi

voglio pensare che ancora mi ascolti

e che come allora sorridi

che come allora sorridi.

Voglio però ricordarti com’eri

pensare che ancora vivi

voglio pensare che ancora mi ascolti

e che come allora sorridi

che come allora sorridi.


[nextpage title=”Accordi per chitarra”]

Accordi

   
RE LA MI LA

                  MI        FA#m
Lunga e diritta correva la strada,
  RE     LA     MI
l'auto veloce correva,
LA         MI       FA#m     RE
la dolce estate era già cominciata
LA                MI
vicino a lui sorrideva,
LA       MI       LA     RE LA MI LA
vicino a lui sorrideva.

Forte la mano teneva il volante,
forte il motore cantava.
Non lo sapevi che c'era la morte
quel giorno che ti aspettava,
quel giorno che ti aspettava.

Non lo sapevi che c'era la morte,
quando si è giovani è strano
poter pensare che la nostra sorte
venga e ci prenda per mano,
venga e ci prenda per mano.

Non lo sapevi ma cosa hai pensato
quando la strada è impazzita,
quando la macchina è uscita di lato
e sopra un'altra è finita,
e sopra un'altra è finita.

Non lo sapevi ma cosa hai sentito
quando lo schianto ti ha uccisa.
Quando anche il cielo di sopra è crollato,
quando la vita è fuggita,
quando la vita è fuggita.

Dopo li silenzio soltanto è regnato
tra le lamiere contorte.
Sull'autostrada cercavi la vita
ma ti ha incontrato la morte,
ma ti ha incontrato la morte.

Vorrei sapere a che cosa è servito
vivere, amare e soffrire,
spendere tutti i tuoi giorni passati
se presto hai dovuto morire,
se presto hai dovuto morire.

Voglio però ricordarti com'eri,
pensare che ancora vivi.
Voglio pensare che ancora mi ascolti,
che come allora sorridi,
che come allora sorridi

LA MI FA#m RE LA MI LA RE LA MI LA

Voglio però ricordarti com'eri,
pensare che ancora vivi.
Voglio pensare che ancora mi ascolti,
che come allora sorridi,
che come allora sorridi...

LA MI FA#m RE LA MI LA RE LA MI LA


LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here