Dammi un bacio (Ligabue Antonio)

Introduzione

Indice

Album

È contenuto nei seguenti album:

1991 Gente come noi

Testo Della Canzone

Dammi un bacio (Ligabue Antonio) di Nomadi

Piatta pianura, umida calura,
pioppi carraie, mosche zanzare,
il sole, scheggia di vetro, taglia le mani, taglia le pietre.

Piatta pianura, con terra dura,
ci vive la serpe, il riccio la volpe,
fugge il matto, occhi di gatto, che ha visto il diavolo.

Ligabue, naso d’aquila,
urla al cielo la sua pena,
Cesarina, per favore, voglio un bacio, dam un bes.

Sì, è nuda la sua umanità,
la sua verità è diversità,
fugge il matto, occhi di gatto, che ha visto il diavolo.

Piatta pianura, solitudine amara,
il bisogno d’amore, spezza il cuore,
fugge ilo matto, occhi di gatto, che ha visto il diavolo.

Ligabue, gridò la gente,
fa paura è un demente,
è braccato come un cane,
da orme umane.

Laggiù dove cade il sole,
un sogno un giglio,
forse un figlio,
lui Ligabue è la che va,
nessuno lo rivedrà.

Ligabue,
Antonio, Toni.

Il testo contenuto in questa pagina è di proprietà dell’autore. WikiTesti è un’enciclopedia musicale con lo scopo di far conoscere a quante più persone possibile il panorama musicale.



LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here