El portava i scarp del tennis – Enzo Jannacci

Introduzione

Indice

Album

È contenuto nei seguenti album:

1964 La Milano di Enzo Jannacci
1972 Enzo Jannacci
1980 Nuova registrazione 1980
1989 30 Anni senza andare fuori tempo
2004 Milano 3-6-2005
2008 Jannacci: The Best

Testo Della Canzone

El portava i scarp del tennis – Enzo Jannacci

(Enzo JannacciDario Fo)

Che scusee, ma mi voeuri contà
d’un mè amis che l’era andà a fà el bagn
sul stradon per andare all’Idroscalo:
l’era lì e l’amore lo colpì.

El portava i scarp del tennis,
el parlava de per lú,
rincorreva già da tempo
un bel sogno d’amore.

El portava i scarp del tennis,
el gh’aveva dù oeucc de bon;
l’era el primm a menà via
perché l’era un barbon

On bel dì che l’era adrè a parlà
de per lü, l’avea vista passà,
bianca e rossa che pareva il tricolore;
ma poeu lü l’è stà bon pù de parlà.

El portava i scarp del tennis,
el parlava de per lú,
rincorreva già da tempo
un bel sogno d’amore.

El portava i scarp del tennis,
el gh’aveva dù oeucc de bon;
l’era el primm a menà via
perché l’era un barbon

(On bel dì, vesin a quel poer diavol chì ghe riva una macchina, ven giò vun, ghe dumanda:
« Ohè! ». « A mi? ». « Sì, a lü. Savaria no la strada per andare all’aeroporto Forlanini? ».
« Mi soo no per andare all’aeroporto Forlanini, non son mai stato io all’aeroporto Forlanini. Scusi ». « La strada per andare all’Idroscalo almeno la conosce? ».
« Sì, l’Idroscalo el soo dove l’è, el soo. El su dove l’è l’Idroscalo, l’accompagni mi all’Idroscalo.
Vegni sù anca mi sù la macchina. L’è bella questa macchina,
son mai staa sù la macchina mi, sior, signore ».
« Lassa stà la macchina, barbon, dimmi la strada per andare all’Idroscalo piuttosto, se la conosci ». « No, l’accompagni mì all’Idroscalo, sior, ch’el me faccia venire sù la macchina anch’io,
vengo anch’io sulla macchina ». « Ven sù sùla macchina ».
« l’è bella questa macchina, è forte, è forte. Son mai staa sù la macchina, bella questa macchina… Ferma sior, ferma signore, che mi son ‘rivà, son ‘rivà all’Idroscalo.
Che ferma, che’l me lasa giò chi).

Un piasè, che’l me lasa giò chì,
che anca mì, mì gh’hoo
avuu ‘l mio grande amore:
roba minima, s’intend, roba de barbon ».

El portava i scarp del tennis,
el parlava de per lü,
rincorreva già da tempo
un bel sogno d’amore.

El portava i scarp del tennis,
el gh’aveva dù oeucc de bon;
l’era el primm a menà via
perché l’era un barbon

L’han trovaa sòtta a on mucc de carton,
gh’han guardaa el pareva nissun
gh’han toccaa, el’ pareva ch’el dormiva:
« Lassà stà, che l’è ròba de barbon ».

El portava i scarp del tennis,
el parlava de per lü,
el portava i scarp del tennis
perchè l’era un barbon.

El portava i scarp del tennis…

______________________________________


Traduzione in italiano:

Cantato:
Scusatemi, ma vorrei raccontarvi
di un mio amico che era andato a fare un bagno
sullo stradone, per andare all’Idroscalo
era lì, e l’amore lo colpì.

Portava le scarpe da tennis, parlava da solo
rincorreva già da tempo un bel sogno d’amore.
Portava le scarpe da tennis,
aveva due occhi da persona buona
era il primo a scappar via, perché era un barbone.

Un bel giorno, mentre era dietro a parlare
da solo, l’aveva vista passare
bianca e rossa, che pareva il tricolore
ma dopo quella volta lui,
non è più stato capace di parlare.

Portava le scarpe da tennis, parlava da solo
rincorreva già da tempo un bel sogno d’amore.
Portava le scarpe da tennis,
aveva due occhi da persona buona
era il primo a scappar via, perché era un barbone.

Parlato:
(Un bel giorno (accanto) a quel povero diavolo si ferma una macchina, esce fuori uno e gli chiede “Ohe!” “Dici a me?” “Sì, a te, sapresti per piacere la strada per andare all’aeroporto Forlanini?” “No signore, non sono mai stato io all’aeroporto Forlanini, non lo so dov’è” “La strada per andare all’Idroscalo, almeno, la conosce?” “Si, l’Idroscalo lo so dov’è, mi porti all’Idroscalo, salgo anch’io sulla macchina, è forte questa, è forte la macchina” “Lascia stare la macchina, barbone” “No signore, vengo anch’io sulla macchina, non sono mai stato su una macchina io. Bella questa macchina… Ferma signore, mi faccia scendere, mi faccia scendere che sono arrivato, per piacere si fermi qui”)

Cantato:
Per piacere si fermi qui
perché anche io ho avuto il mio grande amore
roba minima, s’intende, roba da barboni.

Portava le scarpe da tennis, parlava da solo
rincorreva già da tempo un bel sogno d’amore.
Portava le scarpe da tennis,
aveva due occhi da persona buona
era il primo a scappar via, perché era un barbone.

L’hanno trovato sotto un mucchio di cartoni
l’hanno guardato come se non avessero visto nessuno
l’hanno toccato per vedere se dormiva
“lascia stare che è roba di barboni”.

Portava le scarpe da tennis, parlava da solo
rincorreva già da tempo un bel sogno d’amore.
Portava le scarpe da tennis, aveva due occhi da persona buona
era il primo a scappar via, perché era un barbone

Portava le scarpe da tennis

https://youtu.be/SO_QKksqXdI



1 COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here