Er canto dei carcerati

Album

È contenuto nei seguenti album:

Testo Della Canzone

Er canto dei carcerati di Canzoni Romane

Lando Fiorini

A tocchi, a tocchi, la campana sona:
li turchi so’ arivati a la marina
chi cià le scarpe rotte l’arisola,
le mie l’ho arisolate stamatina.

Come te posso amà?
Come te posso amà?
Si esco da ‘sti cancelli
quarchiduno me l’ha da pagà.

Amore, amore, manname un saluto;
sto drento a San Michele¹ carcerato
me sento come n’arbero caduto,
da amichi e da parenti abbandonato.

Come te posso amà?
Come te posso amà?
Si esco da ‘sti cancelli
quarchiduno me l’ha da pagà.

E si de’ sfortunati stanno ar monno,
uno de quelli me posso chiamare
butto ‘na paja² a mare e me va a fonno,
all’antri³ vedo er ferro galleggiare.

Come te posso amà?
Come te posso amà?
Si esco da ‘sti cancelli
quarchiduno me l’ha da pagà.

Il testo contenuto in questa pagina è di proprietà dell’autore. WikiTesti è un’enciclopedia musicale con lo scopo di far conoscere a quante più persone possibile il panorama musicale.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here