Er Cuppolone

Album

È contenuto nei seguenti album:

Testo Della Canzone

Er Cuppolone di Canzoni Romane

(Toto Castellucci)

Cor core acceso da ‘na passione
undici atleti Roma chiamò,
e sott’ar sole der Cuppolone
‘na bella maja a du’ colori je trovò.

Li du’ colori de Roma nostra
oggi signora der futebbal,
non più maestri né professori
mo’ sò dolori perché “Roma” ce sa fà.

Co’ Masetti ch’è primo portiere;
De Micheli scrucchia ch’è ‘n piacere;
poi ce sta er torello de Bodini;
cor gran Furvio Bernardini,
che dà scòla all’argentini.

Poi c’è stà Feraris a mediano,
bravo nazionale e capitano;
Chini, Fasanelli e Costantino,
cò Lombardo e cò D’Aquino;
Vorche (Volk, n.d.r.) è ‘n mago pe’ segnà!

Campo Testaccio
ciai tanta gloria,
nessuna squadra ce passerà.
Ogni partita
è ‘na vittoria,
ogni romano è n’bon tifoso e sà strillà.

Petti d’acciaio, astuzia e core
corpi de testa da fa incantà.
Passaggi ar volo co’ precisione
vola er pallone che la rete và a trovà.

Quanno che ‘ncomincia la partita
ogni tifosetta se fà ardita,
strilla Forza Roma a tutto spiano
co’ la bandieretta ‘n mano,
perchè cià er core romano.

L’ala centra e Vorche tira e segna,
questo è er gioco e “Roma” ve lo ‘nsegna!
Cari professori appatentati
sete belli e liquidati
perché Roma ce sa fà.

(Semo giallorossi e lo sapranno
tutti l’avversari de st’artranno.
Fin che Sacerdoti ce stà accanto
porteremo sempre er vanto
Roma nostra brillerà.)

Il testo contenuto in questa pagina è di proprietà dell’autore. WikiTesti è un’enciclopedia musicale con lo scopo di far conoscere a quante più persone possibile il panorama musicale.



LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here