Era la donna mia

Introduzione

Indice

Album

È contenuto nei seguenti album:

Testo Della Canzone

Era la donna mia di Robertino

(di Gianni Meccia)

Tientela stretta e non la lasciare,
non la lasciare mai,
se ti voltassi un attimo solo,
me la riprenderei.

No, non ci penserei sù due volte
ad umiliarmi, perchè
ora capisco quello che ho perso
e che cos’era per me.

Era la donna mia ed ora non c’è più,
io l’ho mandata via, poi l’hai presa tu,
io che credevo di non sbagliare mai, mai, mai,
la rivorrei ma lei è legata a te.

Non vorrei mai veder la sera,
la notte non vorrei mai,
chiudere gli occhi, mi fa paura,
tu nei miei sogni verrai.

Triste risveglio, solo silenzio,
mi chiedo dove sarai,
come sei stata nelle mie braccia
non si ripeterà mai.

Era la donna mia ed ora non c’è più,
io l’ho mandata via, poi l’hai presa tu,
io che credevo di non sbagliare mai, mai, mai,
la rivorrei ma lei è legata a te.

Era la donna mia ed ora non c’è più,
io l’ho mandata via, poi l’hai presa tu,
io che credevo di non sbagliare mai, mai, mai,
la rivorrei ma lei è legata a te.

Io che credevo di non sbagliare mai, mai, mai,
la rivorrei ma lei è legata a te.

Io l’ho mandata via, poi l’hai presa tu,
io che credevo di non sbagliare mai, mai, mai,
la rivorrei ma lei è legata a te…..

Il testo contenuto in questa pagina è di proprietà dell’autore. WikiTesti è un’enciclopedia musicale con lo scopo di far conoscere a quante più persone possibile il panorama musicale.



LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here