Fiuto

Bologna - 01 Settembre 1981 - Lucio Dalla durante il concerto alla festa nazionale dell'Unità (Roberto Serra / Iguana Press)

Album

È contenuto nei seguenti album:
2009 Angoli nel cielo

WikiTesti Ú un progetto gratuito, tutti possono collaborare inserendo testi, spartiti e video. Perché non collabori con noi?

Testo Della Canzone

Fiuto di Lucio Dalla

Fiuto
ogni angolo Ú un rifiuto
E’ un rifiuto sistemato
Neanche tanto squilibrato
Che trase a na parte a n’ata iesce
Miezo o mare e vvote cresce
La schiumazza d’o passato
Guarda qui han già pulito
Puoi passarci lingua e dito
Che la polvere non c’Ú
Questa Ú chimica ad oltranza
Mi rinchiudo in una stanza
Cu sti mane ncoppa a panza
Maramao, sei vivo o morto?
La monnezza t’ha sepolto
L’insalata c’era anche lì nel porto
Maramao, perchÚ ti han storto?
Fiuto ogni angolo un rifiuto
Questo odore lascia muto
Ma m’Ú asciuto nu starnuto
Solo…solo il tempo di un saluto
Chi veneva Ú già fuiuto
E da solo stong’accà
Guarda qui c’Ú pure un dito
L’han spalmato, l’han condito
Ed Ú finito dentro un toast
Vurria stà miezo e lenzole
Una terrazza miezo ‘o sole
Guardare il mare blu
Abbiamo perso una mutanda
L’ho trovata in mezzo al mare
Così ho smesso di nuotare
Me so’ mise pure scuorn’
Me so’ guardato attuorn’
Me la son rimessa su
Né governi o terremoti
Né ministri né Borboni
Piensa si ci a fanno ‘sti coglioni
Ad ammazzare ‘sta città
Maramao sei vivo o morto?
L’insalata che c’era nel porto
L’hai mangiata pure tu
Maramao sei diventato blu
L’alba, inizia un nuovo giorno
Iesce ‘o sole e io m’adduormo
Dint’o liett’ nziem a te
Mi alzo, prendo in mano la chitarra
Esco fuori, guardo ‘o cielo
E mi sento ancora un re

Il testo contenuto in questa pagina Ú di proprietà dell’autore. WikiTesti Ú un’enciclopedia musicale con lo scopo di far conoscere a quante più persone possibile il panorama musicale.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here