Fuga all’inglese – Paolo Conte

Album

è contenuto nei seguenti album:

1982 Appunti di viaggio (Lato A)
1989 I primi tempi (Cd 1
1992 Stai seria con la faccia, ma però…
1993 Tournée
2003 Reveries
2006 Wonderful

WikiTesti Ú un progetto gratuito, tutti possono collaborare inserendo testi, spartiti e video. Perché non collabori con noi?

Testo Della Canzone

Fuga all’ inglese di Paolo Conte

(di: Paolo Conte)
Che ora fai? È un’ora inglese, si va,
agguanta la mia mano e ce ne andiamo
tanto di noi si può fare senza,
e chi vuoi
che noti mai la nostra assenza
Ah, ragazza, tu sei bella
ogni giorno di più
non farti prender dalla sonnolenza
C’interessa, no, questa conferenza
che tanto il tempo passa
anche sotto ai sofà
Sì che il tempo passa sotto ai sofà,
nemico numero uno
degli aspirapolvere di tutta città,
è là che lui tiene la sua accademia
sotto lo sguardo vitreo
dei bicchieri di Boemia,
e intanto il Comune
cambia colore ai tramways
è che la gente poi ci prende confidenza
sì, ma di noi si può fare senza
da-da-da-da-da-da-da-da-da-da

È tutto un grande addio,
un giorno Gondrand passerà,
te lo dico io,
col camion giallo porterà
via tutto quanto e poi più niente resterà
del nostro mondo
da-da-da

La fuga nella vita, chi lo sa
che non sia proprio lei
la quinta essenza
sì, ma di noi si può fare senza
Sì, tanto il tempo passa anche sotto ai sofà

Il testo contenuto in questa pagina è di proprietà  dell’autore. WikiTesti è un’enciclopedia musicale con lo scopo di far conoscere a quante più persone possibile il panorama musicale.



LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here