I soliti accordi

Album

È contenuto nei seguenti album:

WikiTesti Ú un progetto gratuito, tutti possono collaborare inserendo testi, spartiti e video. Perché non collabori con noi?

Testo Della Canzone

I soliti accordi di Festival di Sanremo 1994

(di Enzo Jannacci, Paolo Rossi e Paolo Jannacci)
Enzo Jannacci e Paolo Rossi

*Enzo Jannacci1994 I soliti accordi

Sì, vai! (Vado?) Vai, e percuotilo nell’ombra!
(E se le prendo io?) (Oh!) Chi Ú?
(Ma non dovevamo cantarla al matrimonio?)
E’ uguale. E in fondo alla strada (chi Ú che c’Ú?)
ci son tre ladroni (ah, vabbÚ) sembravano onesti,
sembravano buoni eran solo furboni.
Il primo contava, (Ma son tutti di mia moglie!)
il secondo sudava, (tra un ballo, una bionda e un panino)
il terzo spiegava, ma cosa spiegava, la rava e la fava!
Che storia Ú? E in fondo la storia (dai, spiegamela!)
Ú sempre la stessa (cosa ti avevo detto, io?)
c’Ú uno che grida, che grida e fa i versi da quella finestra.
Si cambiano i nomi, rimangon bastardi,
tu guarda alla radio, le solite facce, i soliti accordi.
(Quali accordi?) I soliti.
Do maggiore, la maggiore, la minore,
re minore, sol settima, re minore…
Do maggiore, la maggiore, re minore,
la minore, sol settima, si minore…
In mezzo alla strada Cosa c’Ú?
son tre coi forconi ah, vabbÚ
ma i piccoli ladri li impiccano sempre i grandi ladroni.
Il primo strillava tutti in girotondo,
Forza Italia! il secondo fa i conti mi scappa un plotone…
il tre licenziava, ma dopo spiegava la rava e la fava.
Do maggiore, la maggiore, la minore,
re minore, sol settima, re minore…
Do maggiore, la maggiore, re minore,
la minore, sol settima, si minore…
E sotto giù in strada sono in tre caporioni che cantan stonati,
ognuno davanti al suo bel karaoke!
Il primo cantava Come prima, più di prima
il secondo ballava l’avanzo di balera
il terzo applaudiva e l’ombra gridava “nÚ rava nÚ fava!”
(E allora?) E allora la storia (la storia cambia?)
non Ú più la stessa (ma cosa ti avevo detto, io?)
se un giovane grida, e grida e fa i nomi da una finestra.
E rischia la pelle perchÚ i nomi son tanti (son tantissimi!)
guardare giù in fondo alle Pagine Gialle alla voce,
Bastardi! E allora? Do maggiore, la maggiore,
la minore, re minore, sol settima, re mi Re maggiore,
la minore, si minore, la minore, sol settima,
si minore. i soliti accordi, le solite facce,
(si minore diminuito) i soliti accordi,
(si minore maggioritario) le solite palle,
(si minore proporzionale) i soliti accordi,
(si minore referendario) le solite facce (hehehehe…)
Vai e torna vincitore. (libero stato in libero show!)
Ma cosa stai dicendo? (Ú un epilogo)
(… ma chi Ú che c’Ú nell’ombra?)
(non ho capito chi Ú che sta nell’ombra!)
domandare Ú lecito, rispondere Ú fantasia.
Capito? (VabbÚ) La solita orchestra. I soliti accordi.

Il testo contenuto in questa pagina Ú di proprietà dell’autore. WikiTesti Ú un’enciclopedia musicale con lo scopo di far conoscere a quante più persone possibile il panorama musicale.

[nextpage title=”Accordi per chitarra”]

Accordi

   
D Bm D7

          G
Sì, vai! (Vado?) 

                       D9
Vai, e percuotilo nell'ombra! 

                     D
(E se le prendo io?) No...(Oh!) Chi e`? 

(Ma non dovevamo cantarla al matrimonio?) 

E' uguale.

E in fondo alla strada (chi e` che c'e`?)

ci son tre ladroni (ah, vabbe`)

D             Em                 F#m7                  D
sembravano onesti, sembravano buoni eran solo furboni. 

F#m           D
Il primo contava, (Ma son tutti di mia moglie!)

               Bm                     D
il secondo sudava, (tra un ballo, una bionda e un panino)

      G                          F#m7
il terzo spiegava, ma cosa spiegava,

                    D
la rava e la fava! (Che storia e`?)

D7               G9                    G
E in fondo la storia (dai, spiegamela!)

                 Em                   G7
e` sempre la stessa (cosa ti avevo detto, io?)

                    C                   Bm7
c'e` uno che grida,  che grida e fa i versi 

                    G
da quella finestra. 

   D                               Bm
Si cambiano i nomi, rimangon bastardi,

Am               G                    D
tu guarda alla radio, le solite facce,

                  D9
i soliti accordi. 

                   D
(Quali accordi?) I soliti.

         G                           Em
Do maggiore, la maggiore, la minore, 

                  C            A7
re minore, sol settima, re minore... 

D        G                       Em
Do maggiore, la maggiore, re minore, 

                    C                A7
la minore, sol settima, si minore... 

   D
In mezzo alla strada (Cosa c'e`?)

                     Bm
son tre coi forconi (ah, vabbe`)

D7                 G
ma i piccoli ladri li impiccano sempre

D9            D
i grandi ladroni.

Il primo strillava  (tutti in girotondo, Forza Italia!)

     Bm                 D7
il secondo fa i conti  (mi scappa un plotone...)

   G                             D9
il tre licenziava, ma dopo spiegava

               D
la rava e la fava.

      G                          Em
Do maggiore, la maggiore, la minore, 

                  C                  A7
re minore, sol settima, re minore... 

D        G                           Em
Do maggiore, la maggiore, re minore, 

                    C
la minore, sol settima, si minore... 

A7 G#m                 E
   E sotto giu` in strada 

                   C#m7
sono in tre caporioni 

E7                  A             E9
che cantan stonati, ognuno davanti

                    E
al suo bel karaoke! 

Il primo cantava  (Come prima, piu` di prima)

                C#m                    E7
il secondo ballava (l'avanzo di balera)

                    A                E9
il terzo applaudiva e l'ombra gridava

                      E
"ne` rava ne` fava!" (E allora?)

E7                  A9
E allora la storia (la storia cambia?)

C#7                F#m
non e` piu` la stessa 

                     A9
(ma cosa ti avevo detto, io?)

                     D                  A9
se un giovane grida, e grida e fa i nomi

           A
da una finestra. 

B               E
E rischia la pelle

                          C#m
perche` i nomi son tanti (son tantissimi!)

E                      A
guardare giu` in fondo alle Pagine Gialle

E9                    E
alla voce, Bastardi! (E allora?)

E7       A                       F#m
Do maggiore, la maggiore, la minore, 

                    D                B7
re minore, sol settima, re minore... 

E        A                     F#m
Re maggiore, la minore, si minore, 

                    D      B7
la minore, sol settima, si minore...

E             A
i soliti accordi, 

F#7          D6
le solite facce, 

             C#m
(si minore diminuito...) 

              A
i soliti accordi, 

                   F#7
(si minore maggioritario...)

                 D6
le solite palle, 

                            C#m
(si minore proporzionale...)

                  A
i soliti accordi, 

                    F#7
(si minore referendario...)

             D6
le solite facce (hehehehe...)

E                      A
Vai e torna vincitore. 

                              F#m
(Libero stato in libero show!)


Ma cosa stai dicendo? (e` un epilogo)

     D                              D9
(... ma chi e` che c'e` nell'ombra?)

                              A
(non ho capito chi e` che sta nell'ombra!)

       A9
domandare e` lecito, 

      A
rispondere e` fantasia.

Capito? (Vabbe`)

   F#m                                D D9 A
La solita orchestra. I soliti accordi.    

***

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here