I tre fratelli di Venosa

Album

È contenuto nei seguenti album:

WikiTesti Ú un progetto gratuito, tutti possono collaborare inserendo testi, spartiti e video. Perché non collabori con noi?

Testo Della Canzone

I tre fratelli di Venosa di Stormy Six

Stormy Six

Faceva molto caldo in Lucania
nel Luglio ottocentosessantuno
e la gente si sentiva già tradita
da un’Italia non voluta e non capita
Quel fucile alzato al cielo e mai usato
non Ú pronto per Vittorio Emanuele
tre fratelli contadini di Venosa
si rifiutano di metter la divisa
Con le foglie dell’autunno sulla strada
Ú difficile seguire i loro passi
già si Ú sparsa qua e là la loro fama
coi briganti han firmato un proclama:
“Contadini rimasti sulla terra
non avrete proprio nulla da temere,
su nei boschi siamo tanti e bene armati
e i soprusi saranno vendicati”
Con il freddo dell’inverno nelle ossa
e la voglia del fuoco di un camino
i fratelli contadini sono stanchi
e camminano nel chiaro del mattino
Il ventuno di gennaio S.Agnese
i soldati hanno teso un’imboscata
li hanno uccisi a un chilometro da casa
li han portati sulla piazza di Venosa

Il testo contenuto in questa pagina Ú di proprietà dell’autore. WikiTesti Ú un’enciclopedia musicale con lo scopo di far conoscere a quante più persone possibile il panorama musicale.

[nextpage title=”Accordi per chitarra”]

Accordi

     
  Re
Faceva molto caldo in Lucania
    Si-
nel Luglio ottocentosessantuno
     Sol
e la gente si sentiva già tradita
      La7
da un'Italia non voluta e non capita.

Quel fucile alzato al cielo e mai usato
non Ú pronto per Vittorio Emanuele
tre fratelli contadini di Venosa
si rifiutano di metter la divisa.

Con le foglie dell'autunno sulla strada
Ú difficile seguire i loro passi
già si Ú sparsa qua e là la loro fama
coi briganti han firmato un proclama:

"Contadini rimasti sulla terra
non avrete proprio nulla da temere,
su nei boschi siamo tanti e bene armati
e i soprusi saranno vendicati".

Con il freddo dell'inverno nelle ossa
e la voglia del fuoco di un camino
i fratelli contadini sono stanchi
e camminano nel chiaro del mattino

Il ventuno di Gennaio Sant'Agnese
i soldati hanno teso un'imboscata
li hanno uccisi a un chilometro da casa
li han portati sulla piazza di Venosa.



LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here